Achilles Vaccines con Herbert Smith Freehills per lo sviluppo di nuovi vaccini

La nuova piattaforma si concentrerà sui batteri Gram negativi, fra cui meningococco, salmonella e altri particolarmente soggetti al fenomeno della resistenza agli antibiotici, tuttavia l'attenzione sarà alta anche contro patologie pandemiche come la Covid-19

La senese Achilles Vaccines lancia una nuova piattaforma tecnologica che consente di ottimizzare la produzione di vaccini, anche contro nuovi virus emergenti e sconosciuti potenziali causa di pandemia, come il nuovo coronavirus: la piattaforma biotecnologica mOMV e il laboratorio 4.0 per sviluppare vaccini e biofarmaci. Per la definizione dei relativi contratti e per gli aspetti regolatori, la società si è avvalsa della collaborazione di Herbert Smith Freehills, con un team guidato dalla partner Laura Orlando, con la senior associate Sara Balice per gli aspetti contrattuali e l’associate Martina Maffei per gli aspetti regolatori.

I vaccini sostenibili

La piattaforma tecnologica (mOMV – modified Outer Membrane Vesicles) a basso industrial footprint sarebbe adatta a disegnare e produrre immuno-profilattici utilizzabili in vari ambiti applicativi. L’obiettivo è quello di integrare le più moderne tecniche di raccolta e elaborazione dati con il supporto di una nuova generazione di Reverse Vaccinology, al fine di ottenere vaccini sostenibili e universali. per trovare un rimedio a malattie che al momento non hanno possibilità di cura e prevenzione.

Lotta alla resistenza antibiotica e alle pandemie

L’applicazione d’elezione sarà quella verso batteri Gram negativi, fra cui meningococco, salmonella e altri particolarmente soggetti al fenomeno della resistenza agli antibiotici. L’estrema versatilità del metodo e della piattaforma, tuttavia, dovrebbe consentire di elaborare strategie efficaci anche per sviluppare prodotti contro agenti virali fra cui la cosiddetta disease X (un virus emergente e sconosciuto potenziale causa di pandemia, come il Covid-19).