Covid-19, crescono le iniziative di supporto alla lotta contro il virus

Aziende, istituzioni e singoli cittadini. In tanti contribuiscono a supportare gli operatori sanitari nella cura dei malati affetti dal nuovo coronavirus, e a limitare la diffusione dei contagi

covid-19

Articolo aggiornato il 10 aprile 2020

La lotta al Covid-19 continua da parte di tutti gli attori del mondo della sanità italiana. Le iniziative di aziende, istituzioni, singoli cittadini si moltiplicano ogni giorno. L’obiettivo è uno solo: supportare gli operatori sanitari nella cura dei malati affetti dal nuovo coronavirus e limitare, al tempo stesso, la diffusione dei contagi. Eccone alcune di quelle che abbiamo intercettato. L’elenco, che non è esaustivo, verrà aggiornato costantemente.

B.Braun

Il gruppo B. Braun dà il proprio contributo per superare l’emergenza da Covid-19 schierandosi al fianco degli Ospedali e degli Operatori Sanitari con iniziative di donazioni di apparecchiature e farmaci, economiche e raccolta fondi.

Nel dettaglio B.Braun donerà all’Ospedale di Mirandola, all’Ospedale Sacco di Milano e all’Ospedale San Carlo/San Paolo di Milano, all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo apparecchiature e farmaci per supportare diverse postazioni di terapia intensiva nelle strutture (sistemi di pompe integrati, deflussori, accessi venosi e farmaci). Verranno poi realizzati corsi online per garantire un’istruzione adeguata all’uso dei sistemi infusionali per tutto il personale infermieristico.

Inoltre tutte le aziende del Gruppo B. Braun in Italia daranno il proprio sostegno economico alle strutture ospedaliere o agli enti dei territori di appartenenza, impegnati a gestire questa drammatica emergenza (Croce Blu di Mirandola, Ospedale Sacco di Milano, Ospedali Riuniti di Padova ed Ospedale di Novara);

Infine, verrà attivata una fondi tra i dipendenti. Ogni dipendente potrà fare una libera donazione. Al termine della raccolta, previsto per il 27 marzo 2020, B. Braun aggiungerà il proprio contributo raddoppiando la somma donata dai dipendenti. L’importo raccolto sarà devoluto all’Ospedale Sacco di Milano e alla Croce Blu di Mirandola.

BioMarin, le donazioni nella bergamasca

BioMarin Pharmaceutical Italia ha annunciato di aver donato 10 mila euro per fornire assistenza medica e supporto alle persone colpite da Covid-19 nell’area di Bergamo. In particolare la donazione verrà devoluta all’organizzazione umanitaria Cesvi (organizzazione umanitaria di Bergamo) che sosterrà l’acquisto di servizi per la terapia intensiva presso l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, e l’assistenza delle persone anziane che vivono da sole nelle aree più colpite dalla pandemia.

Boehringer Ingelheim Italia: più welfare aziendale

Boehringer Ingelheim Italia ha deciso di ampliare l’offerta di welfare aziendale per i suoi collaboratori. Da un lato, l’azienda ha attivato “Wellness Green Line” in collaborazione con Issim (Istituto per il servizio sociale nell’impresa): un numero verde per ascolto e supporto psicologico. Dall’altro, ha sottoscritto una “Copertura assicurativa di assistenza Covid-19” per i dipendenti per tutto il 2020, con un’indennità per ricovero e convalescenza e un’assistenza post-ricovero.

Boston scientific

Ai pazienti con disfunzioni cardiache e ai medici Cardiologi è destinata l’iniziativa di Boston Scientific #IoRestoaCasa con HeartLogic, finalizzata ad assicurare, malgrado la chiusura temporanea degli ambulatori di elettrofisiologia e scompenso cardiaco, la qualità e continuità delle cure ai pazienti, a supportare il lavoro dei medici, a evitare il sovraffollamento ospedaliero.

L’iniziativa consente a tutti i cardiologi che abbiano in cura pazienti portatori di defibrillatori Boston Scientific di attivare gratuitamente il sistema Heartlogic, che segnala con oltre un mese di anticipo la possibile insorgenza di un episodio acuto di scompenso, permettendo di intervenire per tempo per scongiurare l’aggravarsi della condizione clinica del paziente. Un intervento concreto, che consentirà ai cardiologi di tutelare la vita e salute dei propri pazienti e di contribuire responsabilmente alla emergenza Coronavirus“tenendoli fuori dagli ospedali”.

Il sistema si basa su un algoritmo che “integra” i dati rilevati dai sensori – collocati sul dispositivo impiantato – che valutano i toni cardiaci, la frequenza e il volume respiratorio, l’impedenza toracica, la frequenza cardiaca, l’attività fisica. L’iniziativa di Boston Scientific prevede anche di potenziare i servizi di telemedicina e di monitoraggio remoto messi a punto da numerosi Centri Ospedalieri.

CSL Behring: raccolta fondi e donazione

CSL Behring, azienda focalizzata su farmaci plasmaderivati e terapie ricombinanti, ha lanciato in Italia una campagna di solidarietà che coinvolge tutti, azienda e collaboratori. Si tratta di una raccolta di fondi a favore della Protezione Civile. Ciascuno dei dipendenti potrà destinare il valore di una o più giornate lavorative a questa iniziativa. CSL Behring raddoppierà il valore cumulativo di queste giornate e devolverà l’importo in beneficienza. Nel frattempo, l’azienda è al lavoro per assicurare la continuità terapeutica e la raccolta di plasma nelle singole Regioni.

Farmaceutici Ciccarelli

Marco Pasetti, presidente e amministratore delegato di Farmaceutici Ciccarelli, ha effettuato una donazione di 50mila euro a nome della società in occasione dell’emergenza Covid19. Una parte dell’importo, pari a 40mila euro, va alla Regione Lombardia a sostegno delle molte attività indispensabili alla tutela della salute dei cittadini lombardi. Ulteriori 10mila euro sono invece stati andati al Centro cardiologico monzino di Milano, a supporto della struttura che necessita di un ingente quantitativo di risorse aggiuntive per sostenere lo sforzo a cui è sottoposta in questa fase di emergenza.

Galderma, crema idratante per gli operatori

Galderma Italia, azienda attiva nel campo della dermatologia, ha deciso di donare Cetaphil (gel idratante) per garantire una buona e costante idratazione alla pelle degli operatori messa a dura prova dall’uso prolungato di guanti, disinfettanti e mascherine. L’iniziativa consiste in una donazione del fluido idratante (150 pezzi delle confezioni da 470 ml con dispenser per centro) agli ospedali maggiormente colpiti dall’emergenza che ne faranno richiesta (scrivendo all’indirizzo mail info@galderma.com). Fino ad oggi hanno beneficiato dell’iniziativa l’ospedale di Pavia, il Niguarda, l’ospedale di Piacenza e il Gemelli.

Gruppo San Donato per Lombardia ed Emilia Romagna

Il Gruppo San Donato, contestualmente all’impegno in Lombardia, scende in campo anche in Emilia Romagna a supporto della gestione dell’emergenza, mettendo i propri ospedali locali, la Casa di Cura Villa Erbosa e la Casa di Cura Villa Chiara, a completa disposizione del sistema sanitario regionale.

Villa Erbosa, l’ospedale privato accreditato più grande dell’Emilia Romagna, sarà interamente dedicato ad accogliere pazienti affetti da Covid-19 ed ha iniziato a mettere a disposizione i 6 posti letto presenti di Terapia intensiva e sta allestendo 4 ulteriori posti letto intensivi nelle sale operatorie. Sono già allestiti i primi 22 posti letto dedicati alla degenza dei pazienti positivi al Coronavirus. Numeri che verranno via via aumentati secondo le necessità di ricovero che si renderanno necessarie.

Intersystem, screening in pronto soccorso

Il gruppo scende in campo per la lotta contro il Covid-19 con due iniziative. La prima riguarda l’attivazione di un processo di screening e workflow informatizzati in linea con le linee guida internazionali. La funzione di screening consiste in un questionario di triage parallelo a quello classico dei reparti di emergenza ed è un supporto specifico allo screening per il coronavirus.

La seconda consiste in un canale dedicato di assistenza e intervento per tutte le esigenze correlate all’emergenza Covid-19. Si tratta di una task force speciale, dedicata all’assistenza degli ospedali che richiedano un processo accelerato di presa in carico ed evasione delle richieste gestite con la massima priorità.

Kry e l’assistenza sanitaria a distanza

Kry, fornitore di servizi sanitari digitali in Europa, ha invece lanciato Care Connect di Kry in Italia, una piattaforma web gratuita e sicura per i professionisti del settore sanitario che consente di effettuare video appuntamenti. Con l’aumento del numero di pazienti in isolamento da casa, Care Connect di Kry permetterà infatti di accedere all’assistenza sanitaria a distanza, alleggerendo al tempo stesso le capacità dei sistemi sanitari che sono sotto pressione. 

Lilt, una raccolta fondi

La Lega Italiana per la lotta contro i tumori (Lilt) di Milano e Monza Brianza lancia ha lanciato la campagna “Stop-Coronavirus” una raccolta fondi per sostenere gli ospedali e l’assistenza oncologica. L’obiettivo è raccogliere 100 mila euro per incrementare il numero dei posti letto e dei respiratori per i reparti di terapia intensiva e assicurare risorse sufficienti per trasportare i pazienti oncologici da casa all’ospedale e ritorno.

“Non vogliamo restare immobili – commenta Marco Alloisio, presidente di Lilt di Milano e Monza Brianza – ci siamo attivati per assicurare rinforzi agli ospedali: l’Istituto dei Tumori e l’Ospedale San Gerardo. Abbiamo bisogno di aiuto anche noi di Lilt, che stiamo garantendo con grandi sforzi e a costi maggiorati i servizi di trasporto alle terapie per i pazienti oncologici nel rispetto delle disposizioni governative”. Da Lilt anche una “Pillola di benessere” quotidiana per restare vicini a tutti gli allievi di ArtLab- i laboratori artistici per chi è in cura o in follow-up -con tutorial, pensieri, foto e consigli”.

Norgine

Norgine, società di gastroenterologia, ha contribuito all’acquisto di due ventilatori polmonari per la terapia intensiva di uno degli ospedali più colpiti d’Italia.

Philips dona i suoi ex uffici di Monza alla Protezione civile

Anche Philips, dopo aver annunciato il raddoppio della propria produzione industriale in favore delle terapie intensive, si lancia in azioni di solidarietà. La società ha comunicato infatti che la fondazione omonima ha concesso a Regione Lombardia e Protezione civile l’uso gratuito fino alla fine dell’emergenza degli ex uffici di Philips spa a Monza, per la destinazione che i due enti riterranno più necessaria e appropriata. Il complesso, in uso fino a marzo 2018, ha una superficie complessiva di 24 mila metri quadrati. In aggiunta sempre alla Protezione civile e al Cesvi saranno destinati 150 mila euro, mentre 50 mila euro saranno devoluti alla Croce Rossa.

Polifarma, supporto digitale ai medici

In campo anche Polifarma. L’impegno, spiega l’azienda ad AboutPharma, è rivolto innanzitutto ai medici ed è in linea con gli investimenti di questi anni sulla Digital transformation. Polifarma ha avviato contatti digitali con i camici bianchi del suo database con l’obiettivo di raccogliere feedback su come supportarli e sui servizi che possono essere più utili in questo momento. Rientrano fra questi, servizi di aggiornamento digitale su argomenti scientifici e una modalità più “smart” per il contatto con gli informatori scientifici del farmaco (Isf), attraverso l’evoluzione della piattaforma CLM per le web call che può garantire continuità all’attività di informazione. Polifarma è anche a lavoro per offrire strumenti per facilitare la connessione tra medici.

Sobi consegna farmaci a domicilio per l’emofilia

Si chiama #AcasaPerTe ed è un servizio di home delivery dei fattori ricombinanti della coagulazione che Sobi ha deciso di ampliare, offrendo gratuitamente fino a un massimo di due consegne domiciliari dei propri farmaci per l’emofilia a tutti i pazienti, non solo in casi particolari.

“Come azienda vogliamo rinnovare il nostro impegno per semplificare la vita delle Persone con malattie rare grazie ai nostri Programmi di Supporto ai Pazienti e in particolare con #ACasaPerTE che, in questo scenario, può essere un aiuto concreto per garantire alle persone la giusta presa in carico”, ha affermato Sergio Lai, General Manager Sobi Italia.