Le risposte del Governo all’epidemia coronavirus: le normative prodotte

Nel giro di poche settimane sono stati prodotti numerosi emendamenti dal Governo, ministero della Salute e Protezione civile. Ecco un riassunto grazie alla collaborazione dello studio legale Lupi & associati

Le istituzioni si sono mosse rapidamente quando è scoppiata l’epidemia il 21 febbraio 2020. Nel giro di due settimane sono stati prodotti due decreti legge (un terzo è in fase di pubblicazione), un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, una delibera del Consiglio dei ministri e un’ordinanza del ministero della Salute. Senza considerare l’ordinanza della Protezione civile sulla centralizzazione dell’acquisto dei dispositivi di protezione individuale di seguito si pubblica l’elenco dei provvedimenti approvati dall’esecutivo in seguito all’emergenza sanitaria internazionale. Al momento, occorre fare riferimento all’ultimo decreto del presidente del Consiglio dei ministri, emanato in data 8 marzo 2020 n. 59. contenenti ulteriori disposizioni attuative del D.l. 6/2020, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 con efficacia fino al prossimo 3 aprile 2020, nonché al decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 9 marzo 2020.

Marzo 2020

Decreto legge dell’ 8 aprile 2020 recante misure urgenti in materia di accessoal credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali neisettori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, diproroga di termini amministrativi e processuali

Decreto del presidente del Consiglio 22 marzo 2020 recante nuove disposizioni sulla sospensione di numerose attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle ritenute di interesse strategico per lo Stato.

Decreto legge del 17 marzo 2020 recante misure misure di potenziamento del sistema sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse alla emergenza epidemiologica da Covid- 19.

Decreto del presidente del Consiglio 11 marzo 2020 recante le misure di sospensione di numerose attività commerciali, fatta eccezione per le attività di generi alimentari e di prima necessità, nonché di altre attività espressamente individuate dal Dpcm.

Decreto del presidente del Consiglio 9 marzo 2020 recante le misure di allargamento della zona emergenziale a tutta Italia. Cadono quindi le distinzioni regionali e provinciali come precedentemente annunciato.

Decreto del presidente del Consiglio 8 marzo 2020 recante misure su allargamento zona rossa. Con il documento il Governo ha deciso di allargare la zona di emergenza a tutta la Lombardia e alcune province del Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Marche: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia.

Decreto Legge del 2 marzo 2020 n. 9 recante misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19. Il documento prevede la sospensione dei termini per versamenti e altri adempimenti nella “zona rossa” per bollette, mutui e diritti camerali. Si prevedono, inoltre, ammortizzatori sociali per le famiglie nella zona di quarantena e per coloro che risentono in maniera diretta o indiretta degli effetti dell’epidemia.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 marzo 2020 recante ulteriori disposizioni attuative del decreto legge 23 febbraio 2020 n 6. Si rafforzano le misure per il contenimento dell’infezione nelle zone a rischio mettendo ulteriormente al bando attività ricreative, sportive e di assembramento.

Febbraio 2020

Decreto legge del 23 febbraio 2020 n. 6 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione delle emergenze epidemiologiche a livello nazionale, attuato con il dpcm odierno. In questo documento si danno le prime indicazioni sulla chiusura delle scuole, la chiusura delle attività commerciali come bar e pub e la chiusura degli uffici pubblici.

(In fase di pubblicazione): Decreto legge, in corso di pubblicazione approvato dal Consiglio dei ministri del 28 febbraio 2020 con prime misure economiche urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese.

Gennaio 2020

Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 sulla dichiarazione dello stato di emergenza.

Ordinanza del Ministro della salute del 30 gennaio 2020 relativa al blocco dei voli diretti da e per la Cina. All’articolo 1 è scritto: “Al fine di garantire un adeguato livello di protezione sanitaria è interdetto il traffico aereo dalla Cina, quale Paese comprendente aree in cui si è verificata una trasmissione autoctona sostenuta del nuovo Coronavirus (2019 – nCoV). Le compagnie aeree, le società e gli enti, pubblici e privati, che gestiscono gli scali aeroportuali, sono tenuti al rispetto della presente ordinanza e di ogni misura attuativa adottata dall’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) e dalle altre autorità competenti”. La validità dell’ordinanza è di 90 giorni.

 

Torna all’indice argomenti “Coronavirus, vademecum per le imprese”