Accordo Sangamo-Mogrify per lo sviluppo di Car-Treg allogeniche (standardizzate)

La strategia di sviluppo metterà insieme un approccio per ottenere cellule T regolatorie a partire da cellule staminali pluripotenti con il sistema di editing genetico zinc finger protein, per ottenere Car-Treg “off-the-shelf” (non personalizzate) per il trattamento di malattie autoimmuni e infiammatorie

car-treg allogeniche

Nuovo accordo tra Sangamo Therapeutics e Mogrify per sviluppare terapie cellulari Car-Treg allogeniche, pronte all’uso (off-the-shelf), per il trattamento di malattie autoimmuni e infiammatorie. La terapia che dovrebbe emergere da questa nuova collaborazione, mette insieme la tecnologia di Mogrify, che permette di ottenere cellule T regolatorie a partire da cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) e cellule staminali embrionali (Esc) e il sistema di editing genetico zinc finger protein (Zfp) di Sangamo. In modo da sviluppare cellule Car-Treg allogeniche, standardizzate e non limitate all’uso personalizzato come le attuali Car-T.

Un passo indietro al 2012

La tecnologia di Mogrify consente la trasformazione di qualsiasi tipo di cellula umana in qualsiasi altra. Per capire come lo fa basta fare un salto indietro al 2012, quando John B. Gurdon and Shinya Yamanaka ricevettero il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina per avere scoperto come riprogrammare una cellula matura. In sostanza avevano capito come far “tornare indietro nel tempo” un qualsiasi cellula del corpo (le cellule somatiche), per farla ridiventare una cellula staminale (le cellule indifferenziate da cui tutte le altre hanno origine) e infine differenziarla in qualsiasi altra cellule del corpo. Avevano ottenuto così le cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC), che al pari di una cellula staminale embrionale, non sono differenziate e hanno la potenzialità di dare origine a ogni tipo istologico presente nell’organismo (cellule plutipotenti).

La piattaforma di conversione

La company britannica Mogrify ha messo a punto una piattaforma che adotta un approccio sistematico di big data – basato sui dati di next-generation sequencing e la costruzione di reti di regolazione genica (DNA-proteina e proteina-proteina) – per identificare i fattori di trascrizione (in vitro) o le piccole molecole (in vivo) necessarie per convertire qualsiasi tipo di cellula umana in un’altra cellula desiderata. Le iPSC e le Esc rappresentano un materiale di partenza sempreverde per la creazione di cellule T regolatorie, facilitandone così l’ingegnerizzazione e la produzione su larga scala, consentendo potenzialmente alle terapie risultanti di essere più convenienti e quindi accessibili a popolazioni di pazienti più vaste.

Allogeniche e autologhe 

Le terapie con cellule Car-T basate sull’ingegnerizzazione delle cellule T, oggi sono solo autologhe, basate cioè sull’utilizzo delle cellule dello stesso paziente. Si tratte di terapie personalizzate che possono essere usate per un’unica persona. Motivo per cui i prezzi sono molto elevanti, compromettendone l’utilizzo su popolazioni più ampie. Numerose biotech e gruppi di ricerca stanno perciò provando  a sviluppare Car-T allogeniche o “off-the-shelf” che possano essere prodotte su larga scala e utilizzate per più persone.

Le Car-Treg allogeniche 

“Questo accordo di licenza fornisce a Sangamo l’accesso alla tecnologia di conversione cellulare di Mogrify, che diversificherà le nostre opzioni per lo sviluppo di terapie cellulari Car-Treg allogeniche e off-the-shelf”, ha affermato Jason Fontenot, Head of Cell Therapy di Sangamo. “Ci aspettiamo che questa collaborazione acceleri il nostro sviluppo di terapie cellulari Car-Treg standardizzate e accessibili, in modo da fornire più rapidamente, trattamenti a pazienti con malattie infiammatorie e autoimmuni”. Il Ceo di Mogrify, Darrin Disley, annunciando il loro primo accordo con una biotech statunitense nel campo dell’immunoterapia con Car-T, ha sottolineato la complementarietà delle rispettive due tecnologie.

L’accordo

Secondo i termini dell’accordo, Mogrify sarà responsabile della scoperta e dell’ottimizzazione della tecnologia di conversione cellulare da iPSC o ESC a cellule T regolatorie. Mentre Sangamo avrà i diritti esclusivi per utilizzare la tecnologia di Mogrify per creare Treg a partire da iPSC o ESC. Sangamo prevede poi di utilizzare la sua tecnologia di ingegneria genetica Zfp e le proprie capacità di sviluppo terapeutico per trasformare le Treg in una nuova terapia cellulare Car-Treg allogenica “off-the-shelf”. Con l’obiettivo di portare la nuova terapia in clinica e registrarla per il trattamento di malattie infiammatorie e autoimmuni. Secondo i termini dell’accordo, Sangamo verserà a Mogrify un pagamento anticipato. Mogrify inoltre potrebbe ricevere pagamenti aggiuntivi relativi al conseguimento di obiettivi di sviluppo e regolari e alle vendite dei prodotti.