Accordo tra Roche e Innovent Biologics per terapie cellulari e anticorpi bispecifici

Secondo i termini dell'accordo, Innovent pagherà in anticipo per accedere non esclusivamente a determinate tecnologie di Roche per la scoperta e lo sviluppo di anticorpi bispecifici e terapie Car-T. Roche potrebbe pagare quasi 2 miliardi di dollari se tutti i prodotti saranno sviluppati e commercializzati con successo

roche Innovent

Accordo tra Roche e la biotech cinese Innovent Biologics, a cui la società svizzera ha deciso di concedere in licenza parte della sua piattaforma antitumorale. La collaborazione si concentrerà sulla scoperta, lo sviluppo clinico e la commercializzazione di anticorpi bispecifici e terapie cellulari e sarà indirizzata al trattamento di tumori ematologici e solidi. Secondo i termini dell’accordo, Innovent pagherà in anticipo, pagamenti a obiettivi commerciali e di sviluppo e royalties, per accedere non esclusivamente a determinate tecnologie di Roche che consentono la scoperta e lo sviluppo di anticorpi bispecifici e per accedere alla piattaforma universale Car-T.

Cosa prevede l’accordo tra Roche e Innovent

Innovent – società che sviluppa, produce e commercializza medicinali di alta qualità per il trattamento di tumori, malattie metaboliche, autoimmuni e altre importanti malattie – creerà, svilupperà, fabbricherà e commercializzerà i prodotti, mentre Roche manterrà il diritto di concedere in licenza ogni prodotto per lo sviluppo e la commercializzazione al di fuori della Cina.  Se Roche manterrà queste opzioni, pagherà 140 milioni di dollari, oltre a pagamenti addizionali per lo sviluppo, l’approvazione e le vendite fino a 1,96 miliardi di dollari, nel caso in cui tutti i prodotti saranno sviluppati e commercializzati con successo.

Un passo avanti

“Innovent è entrata per la prima volta nell’area della terapia cellulare qualche anno fa – ha commentato Michael Yu, fondatore, presidente e Ceo di Innovent Biologics – e con questa partnership con Roche stiamo compiendo un passo avanti molto ampio, nel migliorare la nostra piattaforma di ricerca di terapia cellulari, basandoci sulla nuova tecnologia cellulare Car-T universale di Roche. Così come per scoprire, sviluppare e commercializzare nuove molecole bispecifiche proprietarie, grazie alla piattaforma anticorpale bispecifica di cellule T 2: 1 di Roche”.

Non solo Roche

Roche si unisce a Incyte, Eli Lilly e all’Md Anderson Cancer Center nel collaborare con la biotech cinese, che nel 2018 è stata al centro dell’attenzione quando ha raccolto 421 milioni di dollari in un’offerta pubblica iniziale (initial public offering, Ipo) a Hong Kong.