Meeting di giugno del Cvmp, pareri positivi e l’adozione di un piano quinquennale contro l’antibioticoresistenza

Pareri positivi per alcune variazioni di un vaccino e l'ok a una bozza per una strategia europea contro la resistenza da antibiotici

Non solo pareri positivi, ma anche l’adozione di un piano quinquennale contro l’antibioticoresistenza. Dall’incontro del mese di giugno 2020 (16-18 del mese) del Comitato dei farmaci a uso veterinario dell’Agenzia europea dei medicinali sono emerse non solo approvazioni, ma soprattutto l’adozione fino al 2025 di una bozza di strategia contro la resistenza agli antibiotici e l’uso sicuro di antimicrobici.

Il piano 2021-2025

È solo una bozza e sarà per tre mesi a disposizione per una consultazione pubblica. L’obiettivo del Cvmp è quello di ridurre drasticamente l’impatto dell’antibioticoresistenza attuando una serie di strategia per i prossimi cinque anni. Con le nuove strategie si vuole rafforzare la normativa giù esistente, nello specifico il Regolamento 2019/6 che prevede l’autorizzazione, l’importazione e la produzione di medicine veterinarie.

I pareri positivi

Ok anche per alcune tipologie di farmaco. Innanzi tutto è arrivato il via libera per un gruppo di applicazioni per la variazione di tipo II per il vaccino contro il virus della febbre catarrale (blue tongue) sierotipo 8 (inattivato). La variazione prevede altri due sierotipi, 1 e 4. La commissione ha adottato un consenso favorevole anche per una variazione di tipo IB per due antiparassitari per gatti a base di selamectina-sarolaner. Rinnovate anche le autorizzazioni al mercato per sarolaner e desossicortone pivalato.