Dhl Supply Chain si rafforza nell’healthcare con due nuove business unit

L'unità “Life Sciences & Healthcare” si divide in due. Da un lato, “Pharma Retail & Medical Devices” guidata da Alberto Pizzi. Dall’altro, “Hospital & Specialty Pharma” che farà capo a Pina Putzulu

dhl supply chain

Dhl Supply Chain si riorganizza due nuove business unit dedicate all’healthcare. L’azienda dalla logistica ha deciso di dividere in due l’unità “Life Sciences & Healthcare”. Nascono quinidi le business unit  “Pharma Retail & Medical Devices”  e “Hospital & Specialty Pharma”.

Le nomine

Alberto Pizzi, con oltre 28 anni di esperienza in azienda, dopo aver ricoperto diversi incarichi direttivi sempre nel settore Life Science & Healthcare, già nel board di Dhl Supply Chain Italy, guiderà la Bu Pharma Retail & Medical Device che sarà focalizzata nella logistica per il farmaco generico, per i prodotti destinati al canale farmacia e rivolta al mercato del medical device.

Pina Putzulu, da 15 anni in azienda, guiderà invece la Bu Hospital & Specialty Pharma. Putzulu, già nel board Dhl Supply Chain Italy,  ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità in ambito Sales, Strategy&Marketing. E’ laureata in Chimica e tecnologie farmaceutiche all’Università Statale di Pisa e ha conseguiton un master Mba in Innovazione ed ingegneria dei servizi presso la Scuola superiore di studi e perfezionamento S. Anna.

Strategia di specializzazione

“Da alcuni anni Dhl Supply Chain – afferma Antonio Lombardo, presidente e ad di Dhl Supply Chain Italy – persegue una strategia di specializzazione con la volontà di servire i nostri clienti con siti, soluzioni logistiche e servizi disegnati sulle esigenze specifiche dei diversi segmenti del mercato farmaceutico e dei loro canali di vendita. Abbiamo preso questa decisione riconoscendo che potremo continuare a supportare i nostri clienti con un modello di business più mirato, unico sul mercato, che ci consentirà una maggiore specializzazione nel know how, nei processi e negli investimenti, e una migliore capacità di affrontare un mercato in rapido cambiamento”. Le due nuove business unit lavoreranno in sinergia, convididendo processi e soluzioni e saranno complementari nell’offerta di servizi per l’industria farmaceutica e medicale.