Gsk investe 150 milioni su CureVac per sviluppare vaccini basati sulla tecnologia mRna

Al via un accordo di collaborazione strategica per la ricerca, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di un massimo di cinque vaccini a base di tecnologia mRNA e anticorpi monoclonali destinati ai patogeni delle malattie infettive

Vaccini Gsk

Gks investirà 150 milioni di euro in CureVac, per acquisire una partecipazione azionaria del 10% nella società tedesca. L’operazione, annunciata in un comunicato diffuso dalle due società, servirà per fare ricerca, sviluppo, produzione e commercializzazione di un massimo di cinque vaccini a base di mRna (Rna messaggero) e anticorpi monoclonali, destinati ai patogeni delle malattie infettive. La collaborazione integra le funzionalità esistenti di mRna di Gsk con la piattaforma di mRna integrata di Curevac.

I termini dell’accordo

Nel dettaglio, secondo i termini dell’accordo riportati nel comunicato, Gsk effettuerà un pagamento anticipato in contanti di 120 milioni di euro e un pagamento rimborsabile una tantumi di 30 milioni di euro, per la prenotazione della capacità produttiva, previa certificazione dell’impianto di produzione su scala commerciale di CureVac attualmente in costruzione in Germania.

Inoltre, Gsk finanzierà le attività di ricerca e sviluppo presso CureVac relative ai progetti di sviluppo coperti dalla collaborazione. Mentre CureVac sarà responsabile dello sviluppo preclinico e clinico attraverso gli studi di fase 1 di questi progetti. Dopodiché Gsk sarà responsabile di ulteriori sviluppi e commercializzazione. CureVac sarà responsabile della produzione Gmp dei candidati al prodotto, inclusa la commercializzazione, e manterrà i diritti di commercializzazione per i paesi selezionati per tutti i candidati al prodotto.

Le voci dei protagonisti

Roger Connor, presidente Gsk Vaccines, ha dichiarato: “La tecnologia del vaccino mRNA (Sam) autoamplificante di Gsk ci ha mostrato il potenziale della tecnologia mRna per far progredire la scienza dello sviluppo del vaccino e l’esperienza di CureVac completa la nostra esperienza. Con l’applicazione della tecnologia mRna, incluso Sam, speriamo di essere in grado di sviluppare e potenziare vaccini e terapie avanzate per curare e prevenire le malattie infettive più velocemente che mai”.

“Siamo lieti di collaborare con Gsk”, ha aggiunto Franz-Werner Haas, amministratore delegato di CureVac. Con questa collaborazione, stiamo acquisendo un partner di livello mondiale la cui competenza e impronta globale ci consentiranno di sviluppare ulteriormente e tradurre il valore della nostra piattaforma in potenziali prodotti per il mondo”.

La tecnologia

La tecnologia mRNA è una piattaforma all’avanguardia finalizzata allo sviluppo di nuovi vaccini e medicinali, che espande potenzialmente la gamma di malattie che possono essere prevenute o curate, promettendo anche di accelerare significativamente lo sviluppo e la produzione stessa. L’mRna consente la sintesi proteica nel corpo umano. Utilizzando tale tecnologia per lo sviluppo di vaccini e farmaci, fa sì che proteine ​​specifiche o antigeni possano essere prodotte dalle stesse cellule del corpo, consentendo al sistema immunitario umano di prevenire o combattere le malattie.

No Covid-19

Le aziende uniranno le loro competenze in mRna per sviluppare opportunità attraverso una gamma di agenti patogeni per malattie infettive, selezionate con il potenziale per sfruttare al meglio i vantaggi di questa piattaforma tecnologica, affrontando al contempo significative esigenze mediche insoddisfatte e oneri economici. Gli attuali programmi di ricerca Covid-19 mRna e vaccini antirabbici di CureVac non sono inclusi nella collaborazione annunciata oggi.