Artrite reumatoide: parere positivo del Chmp per filgotinib

Via libera dal Comitato per i medicinali a uso umano dell’Ema al farmaco orale sviluppato da Gilead e Galapagos. Manca l’ok della Commissione Ue, atteso nella seconda metà del 2020

tumore ovarico

Parere positivo in Europa per filgotinib, farmaco per l’artrite reumatoide sviluppato da Gilead e Galapagos. Il Comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) ha detto sì alla terapia per pazienti affetti da artrite reumatoide da moderata a severa, che hanno risposto in modo inadeguato o che sono intolleranti ad uno o più farmaci antireumatici modificanti la malattia. Il farmaco , somministrato per via orale una volta al giorno, agisce inibendo selettivamente la Janus chinasi di tipo 1 (JAK1). Ora manca il via libera della Commissione Ue, atteso nella seconda metà del 2020.

La partnership tra Gilead e Galapagos

La raccomandazione scientifica del Chmp psi basa sugli studi di Fase III (FINCH) e fase II (DARWIN) che hanno coinvolto 4.544 pazienti. Filgotinib è oggetto di un contratto di collaborazione stipulato tra Gilead e Galapagos per lo sviluppo e la commercializzazione su scala globale di filgotinib in artrite reumatoide e in altre indicazioni in ambito infiammatorio. Le aziende lavorano infatti a programmi di studi clinici in ambito colite ulcerosa, malattia di Crohn, artrite psoriasica, uveite, malattia di Crohn del piccolo intestino e malattia di Crohn fistolizzante.