Monitorare il paziente da remoto: un approccio innovativo con un enorme potenziale

Le soluzioni di "TeleSalute" sempre più al centro dell'attenzione del mondo sanitario soprattutto dopo che la pandemia ha limitato l’accesso dei pazienti agli ospedali. *IN COLLABORAZIONE CON DOMEDICA

monitorare il paziente da remoto

Tutte le soluzioni di “TeleSalute”, cioè quelle in cui è possibile monitorare il paziente lasciandolo a casa, sono al centro dell’attenzione del mondo sanitario soprattutto a seguito della pandemia che ha fortemente limitato l’accesso dei pazienti agli ospedali. È chiaro che la sua adozione consentirà di cambiare radicalmente il modo di fare medicina e soprattutto accelerare la delocalizzazione delle cure da più parti invocata come unica soluzione per continuare a garantire la sostenibilità del Ssn.

La TeleSalute per monitorare il paziente da remoto

Parlare di TeleSalute o di monitoraggio remoto del paziente significa far riferimento a un sistema complesso che integra professionalità sanitarie (del Ssn e di terzi), tecnologia e impegno dei pazienti stessi (e/o caregiver).

Il ministero della Salute ha identificato diversi attori coinvolti nella TeleSalute:

  • Il paziente/caregiver
    • che deve essere adeguatamente informato, formato ed educato all’utilizzo dei device che avrà a disposizione e che permetteranno la puntuale raccolta di dati (sia parametri, attraverso device, che informazioni, attraverso questionari);
  • Il Centro erogatore
    • che corrisponde all’Ospedale il cui personale sanitario è coinvolto nelle attività di monitoraggio remoto;
  • Il Centro servizi
    • che è solitamente un ente terzo che mettendo a disposizione professionalità sanitarie quali infermieri e medici garantisce il continuo monitoraggio dei Pazienti domiciliati e la pronta notifica al Centro Erogatore (ospedale) in caso di necessità;
  • L’infrastruttura tecnologica
    • costituita dalla piattaforma e dai device attraverso i quali i parametri clinici sono raccolti (quali bilancia, sfigmomanometro, Ecg, etc..), entrambi certificati CE come dispositivi medici di classe II.

Vantaggi e benefici del monitoraggio a distanza

Nel nostro paese le malattie croniche impegnano circa il 70% della spesa sanitaria complessiva: percentuale di impegno che è destinata a salire se si considera il progressivo invecchiamento della popolazione e il conseguente aumento di incidenza delle malattie croniche.

I vantaggi e i benefici della TeleSalute sono intuitivi: questa modalità di cura e di assistenza migliora:

  • La capacità assistenziale del Ssn perché porta l’ospedale o una parte di esso al domicilio del paziente;
  • L’efficienza del Sistema perché permette di abbreviare i tempi di dimissione;
  • L’offerta di salute perché si raggiungono anche le zone remote o scarsamente collegate;
  • L’ individuazione precoce delle complicanze;
  • La riduzione di ospedalizzazioni non appropriate;
  • La comunicazione tra i diversi attori;
  • Il contenimento della spesa sanitaria.

L’esperienza di Domedica

Da diversi anni e per diverse aree terapeutiche Domedica è impegnata quale Centro servizi in programmi di TeleSalute disegnati ad hoc sulle esigenze degli ospedali e dei centri che hanno deciso di abbracciare questo approccio.

Domedica permette al paziente/caregiver di

  • Ricevere le visite di controllo in modalità remota;
  • Essere continuamente monitorato;
  • Avere continuamente un punto di riferimento senza sovraccaricare il proprio medico/ team di cura dell’ospedale;

E garantisce agli ospedali un continuo e immediato accesso a tutte le informazioni concernenti i Pazienti a domicilio.

È auspicabile che sempre più si spinga la Sanità in questa direzione per gli innumerevoli vantaggi già descritti e per agevolare una raccolta di dati e parametri esaustiva che permetta di proseguire velocemente verso una medicina di precisione e personalizzata alla quale si sta tendendo ma che sembra, per certi aspetti, ancora lontana.

A cura di Domedica

Home page I Patient support program nell’healthcare

In collaborazione con Domedica