“Uno sguardo raro”: torna il festival del cinema dedicato alle malattie rare

In programma dal 18 al 28 settembre, si chiuderà alla Casa del cinema di Roma. Venti le opere finaliste

uno sguardo raro

Torna “Uno sguardo rare”, il festival cinematografico internazionale dedicato alle malattie rare. Rinviata a causa della pandemia, l’edizione 2020 si terrà dal 18 al 28 settembre, con le due giornate finali (e premiazione) alla Casa del Cinema di Roma.

L’agenda

Le giornate del Festival si svolgeranno in modalità ibride (in presenza o virtuali) e in location diverse. Si parte il 18 settembre con un webinar dal titolo: “Il Valore del Noi. Ricerca e Comunicazione per le malattie rare” in collaborazione con la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Pontificia Salesiana e Ferpi (Federazione relazioni pubbliche italiana), evento legato al Premio Usr-Ferpi 2020 per la Comunicazione. Segue il 22 settembre la presentazione di “Uno Sguardo Raro LAB” e dei vincitori del primo laboratorio intensivo di sceneggiatura alla Biblioteca Comunale G. Mameli.

Il 23 settembre spazio al webinar dal titolo “La comunicazione pubblica in sanità fonte primaria di informazione, soprattutto per gli utenti fragili”, in collaborazione con PA Social e legato al Premio Usr-PASocial 2020. Questi eventi saranno trasmessi in diretta Facebook o streaming.  Nella giornata del 24 settembre la proiezione delle opere finaliste del Premio Usr-Heyoka 2020 in un confronto con i ragazzi dell’Istituto Cine Tv R. Rossellini. Il 26 settembre il Festival si sposta al Cinema Multiplex Augustus di Velletri per la proiezione di una selezione dei corti 2019 e di alcuni “Fuoriconcorso”.

Le due giornate conclusive del Festival si svolgeranno domenica 27 e Lunedì 28 settembre alla Casa del Cinema di Roma. Domenica pomeriggio con le proiezioni di tutte le venti opere finaliste della V edizione evento che prevede anche l’incontro con alcuni dei protagonisti. Lunedì sera la cerimonia di premiazione finale, nel corso della quale saranno proiettate le opere vincitrici nelle categorie cortometraggi nazionali, internazionali, animazione e documentari, evento in diretta streaming sulla piattaforma Play unosguardoraro.tv.

L’impegno durante la pandemia

“Uno Sguardo Raro”, in attesa dell’edizione fisica, durante i difficili mesi di lockdown aveva lanciato Play. Una piattaforma per lo streaming gratuito dei migliori video, cortometraggi, documentari e spot sui temi delle malattie rare, della disabilità e non solo. L’invito per il pubblico era anche quello di votare le 20 opere finaliste in gara per il Premio Giuria Popolare dell’edizione 2020 del Festival, andando sul sito www.unosguardoraro.org e registrandosi nella sezione Play.  “L’augurio è però soprattutto quello – per Claudia Crisafio, direttrice del Festival – che il nostro pubblico e tutte le persone che amano queste opere ad ‘alta intensità emotiva’ ci continuino a seguire, anche in questa edizione divisa tra eventi virtuali e alla presenza del pubblico. È un evento – conclude – a cui tutto lo staff ha lavorato con passione e impegno in questi mesi, proprio per arrivare a condividere questi bellissimi corti in una manifestazione capace di offrire spunti e visioni inedite della diversità”.

 

Il sostegno

Il Festival ha ricevuto per il terzo anno consecutivo la Medaglia della Presidenza della Repubblica, oltre al patrocinio del Senato della Repubblica e il Premio di Rappresentanza della Camera dei Deputati. Ha inoltre il patrocinio di: 100AUTORI, Agis Scuola, Anac, Biblioteche di Roma, Comune di Castel di Sangro, Comune di Velletri, Federsanità Anci, Fondazione Mondino, Fondazione Telethon, Istituto superiore di sanità, Mibact, Provincia dell’Aquila, Regione Lazio, Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale, Roma Lazio Film Commission, Rotary Club Ponte Milvio, Uniamo Fimr onlus, Ifo Regina Elena San Gallicano, Ueci-Unione Esercenti Cinematografici Italiani.

Tra i partner che collaborano attivamente alla realizzazione del Festival,  Agenzia Dire e Dire Giovani, Associazione PA Social, Concorso letterario, artistico e musicale “Il Volo di Pegaso” del Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità, Fabbrica Artistica, Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale dell’Università Pontificia Salesiana, Ferpi, Heyoka Empath, Istituto Cine-tv R. Rossellini, Osservatorio malattie rare (Omar).  Uno Sguardo Raro è gemellato con Disorder, il festival di cinema dedicato alle malattie rare negli Stati Uniti.

Il Festival è realizzato con il contributo di “Buone pratiche, Rassegne e Festival” nell’ambito del Piano nazionale del cinema per la Scuola promosso dal Miur e dal Mibact, e con il contributo della Regione Lazio e della Fondazione Cultura e Arte, braccio operativo della Fondazione Terzo Pilastro–Internazionale.

All’iniziativa anche il contributo non condizionato di Roche, Sobi, Takeda e Sanofi.