Armando Genazzani nominato rappresentante italiano al Chmp dell’Ema

Numero uno del Dipartimento del farmaco dell'Università del Piemonte Orientale entra a far parte del Comitato per i medicinali per uso umano

Giro di poltrone all’interno del Comitato per i medicinali a uso umano dell’Ema e per la rappresentanza italiana viene nominato Armando Genazzani dell’Universita del Piemonte Orientale. Insieme al Direttore generale dell’Aifa Nicola Magrini siederà al tavolo con i colleghi degli altri Paesi europei per la valutazione dei medicinali a uso umano.

Il profilo

Genazzani è attualmente a capo del dipartimento del farmaco dell’Univeristà del Piemonte Orientale, istituto nel quale è dal 2002 dapprima come professore associato (2002-2011) e successivamente come docente di ruolo. Il dipartimento è da lui presieduto dal 2019. Ha studiato medicina e chirurgia all’Università di Catania per poi trasferirsi nel Regno Unito, a Oxford, dove ha conseguito Phd e post-dottorato prima di tornare stabilmente in Italia. Dal 2015 fa parte della Commissione tecnico-scientifica dell’Aifa e dal 2018 anche della Commissione per la selezione e uso dei medicinali essenziali. Dal 2014 al 2019 ha collaborato anche con l’Organizzazione mondiale della sanità all’interno della Commissione internazionale sui nomi non proprietari delle sostanze farmaceutiche.

I membri del Chmp

Ogni Paese (compresi due del gruppo Spazio economico europeo come Islanda e Norvegia) ha a disposizione due rappresentanti. Uno principale (nel nostro caso Genazzani) che siede stabilmente al tavolo e un sostituto da un secondo membro quando necessario (Magrini dell’Aifa). A capo del Chmp c’è il tedesco Harald Enzmann dell’Istituto federale per prodotti farmaceutici e prodotti medici e suo vice è il portoghese Bruno Sepodes dell’Autoridade Nacional do Medicamento e Produtos de Saúde. Ogni incarico può essere rinnovato una sola volta per i successivi tre anni.