Sbarca negli Usa Amazon Pharmacy per l’acquisto di medicinali da prescrizione

La farmacia online di Jeff Bezos per ora è esclusiva degli Stati Uniti, dove Amazon entra in diretta concorrenza con CVS e Walgreens Boots Alliance. Il lancio ha il potenziale di rivoluzionare un mercato che negli USA vale 4.000 miliardi di dollari

Appena tre anni fa Amazon muoveva i primi passi nel settore pharma per attivare la distribuzione dei medicinali a prescrizione online. Oggi – dopo aver acquisito nel 2018 PillPack, una farmacia online che offre medicinali con consegne a domicilio da 753 milioni di dollari – il colosso di Jeff Bezos ha lanciato Amazon Pharmacy, la sua farmacia online per l’acquisto di farmaci online dietro prescrizione medica.

Con il servizio Amazon Pharmacy – per ora esclusiva degli Stati Uniti – la società di Seattle entra in diretta concorrenza con CVS e Walgreens Boots Alliance. Il lancio ha il potenziale di rivoluzionare un mercato che negli Usa vale 4.000 miliardi di dollari e rinomato per le sue inefficienze.

Come funziona Amazon Pharmacy

Per richiedere i farmaci direttamente a casa basta registrarsi e inserire alcuni dati come quelli relativi all’assicurazione. La piattaforma richiede anche la ricetta medica necessaria per la dispensazione dei farmaci. E nel caso in cui l’utente non ne sia in possesso, la società statunitense può fare da intermediario e richiederla direttamente al medico curante. Amazon pharmacy fa anche una comparazione dei prezzi dei medicinali. E offre un supporto costante con i farmacisti, attivo 24/7, a cui poter chiedere informazioni o rivolgere eventuali domande o dubbi.

 

La spinta dell’e-commerce dovuta a Covid-19

Dopo aver lanciato la propria linea di farmaci da banco nel 2019, questa è probabilmente la spinta più ampia di Amazon nel settore sanitario fino ad oggi. La quale potrebbe aprire nuove opportunità di guadagno, anche molto grandi, per l’azienda. Anche grazie alla pandemia di Covid-19 che sta spingendo sempre più i consumatori sia verso un’assistenza più remota, sia verso l’utilizzo di canali online per tutte le loro esigenze di acquisto.

Il brand Amazon pharmacy anche al di fuori degli Usa

Si tratta di un passo avanti significativo per il gigante di Seattle che lo scorso gennaio aveva lanciato il brand Amazon pharmacy anche al di fuori degli Stati Uniti depositando la richiesta agli uffici brevetti nazionali di Canada, Australia e Regno Unito. Un portavoce dell’azienda controllata PillPack aveva riferito alla Cnbc, che la compagnia aveva depositato le richieste anche in Brasile, Cina, Egitto, Unione europea, India, Israele, Giappone, Messico, Singapore, Taiwan, Turchia ed Emirati arabi uniti.

“Consideriamo sempre le possibilità di offrire nuovi servizi ai nostri clienti in tutti i mercati in cui siamo presenti. Al momento, però, puntiamo alla crescita di PillPack negli Usa”, aveva aggiunto il portavoce all’emittente statunitense. Il colosso di Bezos punta però non solo a nuovi mercati, ma anche ad altri settori appetibili quali il chirurgico, medicale, odontoiatrico e preparati veterinari.

Un’opportunità mondiale

Anche se per ora Amazon Pharmacy è stata lanciata solo negli Stati Uniti, si tratta in realtà di un’opportunità globale. Si prevede che i servizi di farmacia online raggiungeranno un fatturato di 131 miliardi di dollari entro il 2025 in tutto il mondo. I farmaci da prescrizione, nel frattempo, sono stati stimati in un’industria da 904 miliardi di dollari quest’anno, crescendo fino a quasi 1,3 trilioni di dollari entro il 2025.