Piano pandemico influenzale 2021-2023: via libera in Stato-Regioni

Speranza: “Facciamo tesoro delle esperienze acquisite in questo durissimo anno”. Bonaccini: “Testo migliorato dopo confronto costruttivo”

piano pandemico antinfluenzale

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato, il 25 gennaio 2020, all’unanimità, il nuovo Piano strategico-operativo nazionale di preparazione e risposta a una pandemia influenzale (PanFlu) 2021-2023. “Facciamo tesoro anche delle esperienze acquisite in questo durissimo anno di crisi sanitaria globale e mettiamo a sistema la capacità di reazione dell’Italia e del nostro Servizio sanitario nazionale”, ha commentato il ministro della Salute, Roberto Speranza.

Confronto con le Regioni

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, sottolinea il “confronto costruttivo” con il ministero della Salute: “È un passaggio importante e dalle Regioni è arrivato un contributo migliorativo che consente di guardare in termini ancora più positivi alle esigenze della prevenzione nel nostro Paese. Prima di tutto abbiamo ottenuto l’impegno da parte del Governo allo stanziamento di adeguate risorse nazionali per l’attuazione del Piano, aggiuntive rispetto alla dotazione del fondo sanitario. Infine – conclude Bonaccini – l’esecutivo ha assicurato un aggiornamento periodico dei contenuti del Piano, anche su richiesta delle Regioni e delle Province autonome ed anche con una cadenza diversa da quella prevista”.