Ricerca e sviluppo, dal ministero della Salute bandi per 200 milioni di euro

Possono partecipare amministrazioni pubbliche, enti del Ssn e di ricerca, Irccs e Università. L’80% delle risorse per il Sud

ricerca e sviluppo

In palio 200 milioni di euro per la ricerca e sviluppo nel campo della salute, di cui l’80% riservati al Mezzogiorno. Il ministero della Salute ha pubblicato i primi quattro bandi previsti dal Piano operativo salute (Pos), finanziato dal Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc) 2014-2020. Gli avvisi per la selezione dei progetti si rivolgono ad amministrazioni pubbliche, enti del Servizio sanitario nazionale (Ssn) e di ricerca, Irccs e Università.

Gli obiettivi

Sono tre gli obiettivi principali attesi dal Piano operativo salute:

  • comunità residenziali per gli anziani dotate di prodotti e servizi “intelligenti” grazie all’Ict;
  • la mappatura delle alterazioni genomiche di patologie complesse ad elevato impatto come tumori, malattie del cuore e malattie del sistema nervoso per esempio Ictus, Alzheimer e Parkinson;
  • hub di ricerca clinica per lo sviluppo di terapie innovative.

Le “traiettorie”

Cinque invece le linee d’azione del piano, chiamate “traiettorie”:

  1. Active & Healthy Ageing – Tecnologie per l’invecchiamento attivo e l’assistenza domiciliare;
  2. eHealth, diagnostica avanzata, medical device e mini invasività;
  3. Medicina rigenerativa, predittiva e personalizzata;
  4. Biotecnologia, bioinformatica e sviluppo farmaceutico;
  5. Nutraceutica, nutrigenomica e alimenti funzionali.

97 milioni per biotecnologie, bioinformatica e farmaceutica

Ad oggi, il ministero ha pubblicato i bandi per finanziare progetti nelle prime quattro aree, destinando la fetta maggiore di risorse (97 milioni di euro) alla numero 4. Le risorse arriveranno sotto forma di contributo a fondo perduto, a copertura massima dell’80% dei costi ammissibili del progetto.

Le domande di partecipazione potranno essere presentate fino al 25 maggio 2021. La durata dei progetti non potrà superare i 4 anni e la data di conclusione del Piano Operativo Salute fissata al 31 dicembre 2025.