Vaccino anti-Covid di Curevac: accordo con Novartis per la produzione

Il colosso elvetico supporterà la fornitura globale, mettendo a disposizione il sito di Kundl, in Austria. Obiettivo 50 milioni di dosi nel 2021 e 200 milioni l’anno prossimo

vaccino anti-covid di curevac

Novarti sosterrà la produzione del candidato vaccino anti-Covid di CureVac. Le due aziende hanno siglato un accordo preliminare. Il colosso elvetico metterà a disposizione il sito di Kundl, in Austria. Le prime forniture dovrebbero arrivare in estate. L’obiettivo – spiega Novartis in una nota – è garantire 50 milioni di dosi entro la fine del 2021 e 200 milioni di dosi nel 2022.

Produzione da adattare

Lo stabilimento austriaco di Novartis sarà adattato alle esigenze della produzione di vaccini a RNA messaggero per CVnCoV di CureVac, la cui produzione è altamente complessa. Il prodotto farmaceutico sfuso verrà consegnato a CureVac, che si occuperà poi di altre fasi della produzione, fino al riempimento.

“Riteniamo che sia nostra responsabilità fare tutto ciò che è in nostro potere dare una mano. Siamo lieti di annunciare la nostra collaborazione con CureVac. Attualmente stiamo espandendo il nostro sito con capacità aggiuntive per la produzione di mRNA al fine di soddisfare al meglio la crescente domanda”, afferma Steffen Lang, responsabile globale delle operazioni tecniche di Novartis e membro del Comitato esecutivo di Novartis.

Partnership per il vaccino anti-Covid di CureVac

Soddisfatto Florian von der Mülbe, chief production officer di CureVac: “Sono molto contento che con Novartis abbiamo trovato un altro partner di grande esperienza per supportare la produzione del nostro candidato vaccino. Insieme a Novartis ci aspettiamo di aumentare in modo significativo la nostra capacità di produzione”.