Partnership tra Gavi e Save The Children per vaccinare i bambini vulnerabili rimasti senza dosi

La partnership si concentrerà sul raggiungere i bambini che attualmente non ricevono vaccini di routine e le comunità emarginate e sosterrà un accesso equo ai vaccini Covid-19

bambini zero dosi

Gavi, Vaccine Alliance e Save The Children hanno firmato un memorandum d’intesa per rafforzare le azioni di vaccinazione e i servizi sanitari per raggiungere i bambini rimasti senza dosi (dose-zero) nelle comunità più emarginate e difficili da raggiungere in alcuni dei paesi con minori risorse al mondo. La partnership farà leva sulla presenza in loco e l’esperienza acquisita di Save The Children per implementare la vaccinazione e i relativi programmi nei paesi supportati da Gavi. Questa iniziativa garantirà, attraverso la condivisione di esperienza e passi eccellenti, che i divari di equità nella vaccinazione siano colmati e che sia possibile salvare quante più vite possibili.

Colmare il divario

“Nonostante gli enormi progressi negli ultimi due decenni per garantire. ai bambini di tutto il mondo l’accesso a vaccinazioni salvavita, 20 milioni di loro continuano a perdere i vaccini di base ogni anno”, ha affermato Anuradha Gupta, vice amministratore delegato di Gavi. “La nostra visione è colmare il divario di equità e non lasciare indietro nessuno con la vaccinazione. Sappiamo che un numero sproporzionato di bambini che non ricevono vaccini proviene da aree difficili da raggiungere, comprese le situazioni fragili e di conflitto”.

“Molti bambini che non vengono vaccinati vivono nei luoghi più difficili da raggiungere. In tutto il mondo, 160 milioni di bambini vivono in zone di conflitto ad alta intensità. Sebbene siano stati compiuti progressi, troppi altri vivono ancora in comunità remote ed emarginate con poca o nessuna assistenza sanitaria”, ha affermato Kevin Watkins, Ceo di Save The Children. “Per 100 anni, abbiamo trovato nuovi modi per aiutare i bambini che hanno più bisogno di noi, indipendentemente da dove crescano. Con questa nuova partnership andremo dove i governi e altri partner spesso non possono, concentrandoci su approcci innovativi alla vaccinazione”.

I bambini a “dose zero”

L’accordo firmato dalle due organizzazioni si concentra sul progresso della vaccinazione nelle aree colpite da conflitti e negli stati fragili per raggiungere i bambini a “dose zero” attraverso la condivisione di esperienza, best-practices e approcci innovativi, compreso l’utilizzo di piattaforme già esistenti per aggiungere attività di vaccinazione all’attuale progetto di diagnosi e trattamento della polmonite infantile, diarrea, malaria e della malnutrizione nelle comunità con scarso accesso alle strutture sanitarie. In particolare, il memorandum d’intesa identificherà e faciliterà le opportunità di azioni congiunte relative al rafforzamento dei sistemi sanitari e agli obiettivi di vaccinazione dando priorità alle aree fragili e di conflitto, ma anche ad altri contesti geografici con importanti lacune immunitarie.

La missine Covax

L’esitazione sui vaccini sarà affrontata anche attraverso programmi educativi basati sulle comunità locali. Inoltre, la partnership contribuirà anche a far avanzare la missione Covax per un accesso equo globale. Nonostante due decenni di progressi nella riduzione del divario di vaccinazione tra i paesi a reddito più basso e quelli a più alto reddito, ogni anno oltre 10 milioni di bambini nei paesi a basso reddito non ricevono vaccinazioni di routine, la metà  vive in stati fragili. Un problema che probabilmente non può che peggiorare con la pandemia Covid-19.

Gavi ha fatto del raggiungimento di queste comunità la sua priorità dell’agenda strategica 2021-25. Le comunità ancora non raggiunte in cui vive la maggior parte di questi bambini spesso mancano anche di altri servizi di base come l’istruzione e l’acqua pulita e soffrono di profonde disparità di genere. Raggiungere queste comunità fornirebbe benefici che vanno ben oltre la sola vaccinazione.