Manovra, più risorse per la sanità e i farmaci innovativi

Nella legge di Bilancio 2022, varata dal Consiglio dei ministri, il Fondo sanitario nazionale supera 124 miliardi di euro. Poi ci sono gli stanziamenti per i vaccini anti-Covid (1,8 miliardi) e le nuove terapie

Manovra

Il Consiglio dei ministri ha approvato la legge di Bilancio. “Nel 2022 interveniamo con quattro miliardi sulla spesa sanitaria. Metà di questa somma sarà utilizzata per l’acquisto di vaccini e medicinali e l’altra metà sarà dedicata al potenziamento delle risorse per il Servizio sanitario nazionale”, ha detto il ministro dell’Economia, Daniele Franco in una conferenza congiunta con il presidente del Consiglio, Mario Draghi.  In attesa di conoscere il testo definitivo della manovra finanziaria (ed eventuali altre misure per il settore farmaceutico), vediamo i numeri principali riportati nella bozza circolata prima dell’inizio del Cdm.

Incremento del Fondo sanitario nazionale

Il capitolo sanità della legge di Bilancio 2022 si apre con l’incremento del Fondo sanitario nazionale (Fsn). Il livello del finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale standard a cui concorre lo Stato viene fissato in 124,061 miliardi di euro per il 2022, in 126,061 miliardi per il 2023 e 128,061 miliardi per il 2024. Confermati dunque i sei miliardi in più annnciati per il prossimo triennio nel Documento programmatico di bilancio.

Farmaci e vaccini

Integrano questi fondi nuove risorse per il Fondo (da un miliardo di euro) per il rimborso alle Regioni delle spese sostenute per l’acquisto di farmaci innovativi: si aggiungono 100 milioni per il 2022, 200 milioni per il 2023 e 300 milioni per il 2024. Per l’acquisto di vaccini anti-Covid vengono stanziati altri 1,85 miliardi di euro per il 2022.

Il piano per le pandemie

Altre risorse vengono stanziate per il finanziamento del “Piano strategico-operativo nazionale di preparazione e risposta a una pandemia influenzale (PanFlu 2021-2023)”. Nelle more dell’adozione da parte delle Regioni dei decreti attuativi dei Piani pandemici regionali e provinciali, viene autorizzata una spesa di 200 milioni di euro per l’attuazione delle prime misure previste. Altri 350 milioni vengono assegnati per il 2023, precisando che l’importo esatto sarà definitivo in sede di intesa tra Stato e Regioni.

Formazione dei medici

Novità anche per la formazione specialistica dei medici. Ai fondi per le borse degli specializzandi si aggiungono 194 milioni di euro per il 2022. Poi a seguire: 319 milioni per il 2023, 347 per il 2024, 425 per il 2025, 517 per il 2027 e 543 per il 2027.