Telemedicina, la Sic definisce i requisiti necessari in un documento di consenso

Sta per essere pubblicato dalla Società italiana di cardiologia un documento che stabilisce i requisiti necessari per servizi di telecardiologia: dai dispositivi medici da utilizzare per il monitoraggio della pressione arteriosa o l'Ecg Holter alle piattaforme informatiche più sicure

telemedicina documento sic

È in corso di pubblicazione sul Giornale Italiano di Cardiologia un documento di consenso emanato dalla Società Italiana di Cardiologia (Sic) che per la prima volta stabilisce i requisiti necessari per servizi di telecardiologia accurati e affidabili: dai dispositivi medici da utilizzare per il monitoraggio della pressione arteriosa o l’Ecg Holter alle piattaforme informatiche più sicure.

Se infatti la necessità di ottimizzare i servizi di telemedicina era sentita già da prima della comparsa del Sars-Cov2, la pandemia  ha fatto esplodere la necessità di ricorrervi. Nel 2020 le televisite riguardo alla cardiologia sono triplicata passando dal 13 al 39% e anche per il futuro si prevede che resterà fondamentale.

Attenzione agli esami poco affidabili

Ormai ci si sottopone con frequenza a un elettrocardiogramma o a un monitoraggio della pressione anche in farmacia, che non sempre però si rivelano affidabili. Per fare un esempio Ciro Indolfi, presidente Sic e ordinario di Cardiologia Università Magna Graecia di Catanzaro, spiega che si tratta di strumenti che devono essere gestiti in maniera corretta. “Se per esempio non si utilizza l’elettrocardiografia a 12 derivazioni per l’esame Holter, la ‘fotografia’ dell’attività cardiaca nelle 24 ore non risulta fedele e può portare a decisioni cliniche scorrette”.

Prestazioni di elevata qualità con la telemedicina

Per questo gli esperti della Sic hanno appena firmato il primo documento che stabilisce i requisiti minimi per una telecardiologia accurata e attendibile e quindi più sicura. Dalle caratteristiche dei dispositivi medici diagnostici alla gestione dei dati sensibili, dalle piattaforme informatiche utilizzabili alla stesura dei referti, tutti i passaggi del percorso del paziente sono stati valutati in modo che, d’ora in avanti, si possano ricevere anche a distanza, anche nei centri più remoti, diagnosi e cure che siano sempre di elevata qualità.