Il CRM va nel cloud, così il digital si fa leggero e sostiene le piccole imprese

T&O propone una nuova piattaforma basata sul web che facilita l’informazione medico scientifica. Dalla gestione anagrafica di medici e farmacisti allo scarico saggi: tutto è intuitivo e semplificato. Dal numero 189 del magazine. *IN COLLABORAZIONE CON T&O

Si può fare anche senza iPad. Con un agile Customer Relationship Management (CRM) basato sul web gli informatori medico scientifici possono gestire in un batter di ciglia le anagrafiche di medici e farmacie e l’agenda degli appuntamenti; registrare le visite effettuate e il dettaglio degli argomenti trattati; scaricare i saggi nel rispetto dei limiti previsti dalla legge, tenendo sotto controllo il magazzino e il lotto di appartenenza dei campioni; registrare ogni attività diversa da quella dell’informazione scientifica; gestire la documentazione.

Le opportunità 

Queste le opportunità offerte da One CRM Web, una piattaforma online semplice e intuitiva, proposta da T&O, che facilita il lavoro dell’Isf con qualsiasi dispositivo, potendo inoltre passare continuamente dall’uno all’altro e aggiornare i dati in tempo reale.

One CRM Web dispone di dashboard interattive, effettua analisi in tempo reale e può integrarsi con la piattaforma analitica Tableau, che a sua volta dispone di importanti funzionalità di social collaboration come la condivisione di contenuti e lo scambio di commenti tra gli utenti. Inoltre permette la compilazione dei moduli per la nota spese.

I vantaggi sono indubbi, a partire proprio dal fatto – come accennato – che ci si può collegare al CRM con qualsiasi dispositivo senza alcuna limitazione, condividendo ogni informazione con la propria sede. Ma c’è molto di più, come spiega Delia Roggeri, responsabile Sales and Marketing di T&O: “Il nostro CRM risponde in pieno all’articolo 125 del decreto 219/2006 (si veda box, ndr) che disciplina in Italia la gestione dei campioni gratuiti da parte delle aziende farmaceutiche con il tramite degli Isf. Non è scontato che sia così per altre piattaforme tecnologiche sviluppate in ottica internazionale. In quel caso il controllo di ogni passaggio deve essere fatto dal singolo Isf, annotando i saggi rilasciati al medico anche nel passato. Con il carico di lavoro aggiuntivo aumenta quindi anche il rischio di errore umano”.

Servizi per le Pmi

One CRM Web è particolarmente idonea a supportare l’attività di piccole e medie imprese, oltre che per la facilità di impiego, per i costi di utilizzo davvero concorrenziali. “Abbiamo pensato a una soluzione che possa essere di grande aiuto alle aziende che ripartono in questi tempi difficili – prosegue Delia Roggeri – e che giustamente riflettono su come e se allocare risorse in tecnologia”.

Grazie a questa piattaforma T&O può offrire un’ampia gamma di servizi particolarmente rilevante per le aziende di piccole e medie dimensioni (nella nuova versione è stata introdotta la gestione del lotto, assente in precedenza). “Pensiamo a tutto a noi: il lavoro tecnico dei nostri colleghi realizza soluzioni in cloud, help desk interno per utenti etc., supporto per la sede, gestione di nuovi territori. Le aziende quindi non hanno bisogno di avere figure dedicate a queste attività, riducendo l’impatto sulla propria struttura” chiarisce Eleonora Monterosso, Sales and Marketing di T&O.

Considerata la complessità dell’e-detailing e dell’attività di Isf, un CRM efficiente governa e migliora la relazione con il cliente e condivisione delle informazioni; rispetta la compliance rispetto alle norme come accennato; raccoglie, archivia e ricapitola le azioni svolte e le interazioni con i clienti realizzando una base dati solida e condivisa su cui basare report e analisi. In più, ricorrendo al CRM come supporto alle vendite si stima un aumento del fatturato aziendale prossimo al 30% (dati Osservatorio CRM, 2016).ù

Lo scarico dei campioni gratuiti secondo la legge

Lo scarico saggi da parte degli Isf è disciplinato dall’articolo 125 (campioni gratuiti) del Decreto legislativo n° 219, 24 aprile 2006. Eccone una sintesi:

“1. I campioni gratuiti di un medicinale per uso umano possono essere rimessi solo ai medici autorizzati a prescriverlo e devono essere consegnati soltanto per il tramite di informatori scientifici. I medici devono assicurare la conservazione secondo le istruzioni indicate sulla confezione o sul foglio illustrativo.

  1. I campioni non possono essere consegnati senza una richiesta scritta, recante data, timbro e firma del destinatario.
  2. Gli informatori scientifici possono consegnare a ciascun sanitario due campioni a visita per ogni dosaggio o forma farmaceutica di un medicinale esclusivamente nei diciotto mesi successivi alla data di prima commercializzazione del prodotto ed entro il limite massimo di otto campioni annui per ogni dosaggio o forma.
  3. Fermo restando il disposto del comma 2, gli informatori scientifici possono inoltre consegnare al medico non più di quattro campioni a visita, entro il limite massimo di dieci campioni annui, scelti nell’ambito del listino aziendale dei medicinali in commercio da più di diciotto mesi.
  4. I limiti quantitativi dei commi 3 e 4 si applicano anche ai medicinali vendibili al pubblico in farmacia non dispensati con onere a carico del Servizio sanitario nazionale.

(…)

  1. La consegna di campioni al medico ospedaliero è soggetta alle disposizioni del presente articolo.
  2. Le imprese farmaceutiche sono tenute a ritirare dagli informatori scientifici ogni richiesta medica di cui al comma 2 e conservare, per diciotto mesi, documentazione idonea a comprovare che la consegna di campioni è avvenuta nel rispetto delle disposizioni del presente decreto.
  3. Il Ministro della Salute, su proposta dell’Aifa, tenuto conto dell’andamento dei consumi dei medicinali, può, con decreto, ridurre il numero dei campioni che possono essere consegnati dagli informatori scientifici ai sensi del presente articolo o prevedere specifiche ulteriori limitazioni per determinate categorie di medicinali.

Chi è T&O

T&O Italia nasce a metà del 2016 acquisendo, per il mercato farmaceutico, il marchio di Pharmony, realtà ben radicata nel settore. La società sviluppa software innovativi per potenziare le vendite e il marketing, migliorando i risultati di business.

Dal 2016 in poi il nuovo management di T&O ha aumentato gli investimenti in R&D e creato T&O lab: qui si studiano nuove release delle soluzioni, nuove funzionalità e aggiornamenti dei moduli storici Pharmony, ma anche innovative soluzioni basate su nuove tecnologie.

Come spiega una nota aziendale, T&O mette a disposizione delle aziende le proprie competenze tecnologiche e la conoscenza delle esigenze del mercato del Life Science, supportandole in ogni fase del progetto. Obiettivo dichiarato diventare partner tecnologico del cliente che intenda innovare e potenziare i processi di vendita.

In collaborazione con T&O