Covid 19, Fda dà l’ok alla terza dose del vaccino Moderna e Pfizer per gli over 18

Negli Usa sarà possibile somministrare il booster a tutti gli ultradiciottenni che hanno completato il ciclo a due dosi con vaccino mRna, dopo sei mesi

La Food and Drug Administration ha dato il via libera al richiamo con vaccino Pfizer e Moderna per gli over 18 negli Stati Uniti. Dopo che almeno 10 Stati hanno iniziato a somministrare la dose booster a tutti gli adulti, la decisione dell’agenzia del farmaco statunitense fa chiarezza sulla terza dose per chi ha completato il ciclo vaccinale a mRna.

Il booster

Come specificato da Moderna in una nota, il richiamo prevede una dose di 50 microgrammi, pari alla metà di quella usata per il ciclo primario di vaccinazione e può essere utilizzato in tutti gli over 18 che hanno completato una vaccinazione primaria con qualsiasi altro vaccino Covid-19 autorizzato o approvato. La dose di richiamo deve essere somministrata, si legge nella nota di Moderna, “almeno 6 mesi dopo il completamento di qualsiasi vaccinazione primaria”. Questa autorizzazione “arriva in un momento critico, mentre entriamo nei mesi invernali e affrontiamo un aumento dei casi di Covid e dei ricoveri in tutto il Paese – afferma Stéphane Bancel, ceo di Moderna -. Ringraziamo la Fda per la sua revisione e siamo fiduciosi nelle solide evidenze cliniche secondo cui una dose di richiamo di 50 µg di mRna-1273 (il vaccino Spikevax) induce una forte risposta immunitaria contro Covid”.

Richiamo dopo 6 mesi

Anche Pfizer ha chiarito che il richiamo del vaccino Pfizer deve essere somministrato almeno sei mesi dopo il completamento del ciclo primario ed ha lo stesso dosaggio, rispetto alle prime due dosi. “Mentre ci avviciniamo al traguardo dei due anni di lotta contro Covid-19, abbiamo raggiunto un’altra pietra miliare fondamentale con l’estensione dell’autorizzazione di una dose di richiamo del nostro vaccino in persone dai 18 anni in su”, ha affermato Albert Bourla, presidente e ceo di Pfizer.

Mantenere alto il livello di protezione

La decisione odierna della Fda, ha aggiunto Ugur Sahin, ceo e co-fondatore di BioNTech, “è supportata da dati clinici che mostrano solide risposte immunitarie a seguito di una dose di richiamo del nostro vaccino, superiori a quanto osservato anche dopo il completamento del ciclo primario a due dosi, già altamente efficace. Questi dati suggeriscono che una dose di richiamo del nostro vaccino ha il potenziale per mantenere un alto livello di protezione contro le varianti testate, inclusa la Delta”. Il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione (Acip) dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) si incontrerà per discutere una potenziale raccomandazione per il lancio dei booster anti-Covid fra gli americani.