Salute animale, Boehringer Ingelheim premia tre progetti di ricerca

Annunciati i vincitori del premio europeo dedicato ai progressi scientifici nel campo della sindrome riproduttiva e respiratoria dei suini (Prrs). Assegnati in totale 75mila euro

salute animale

Boehringer Ingelheim premia tre progetti di ricerca nel campo della sindrome riproduttiva e respiratoria suina (Prrs). L’azienda ha annunciato i vincitori dell’ottava edizione dell’European Prrs Research Award, che prevede tre assegni da 25mila euro ciascuno per un totale di 75mila euro a disposizione dei ricercatori (600mila nel complesso dalla prima edizione del premio a oggi).

I tre progetti

Questi i tre progetti ad aggiudicarsi il riconoscimento:

  • Rilevamento di PRRSV-1 in campioni di fluidi orali, processing fluids, e siero mediante qRT-PCR. (Sophie Dürlinger – Vetmeduni Vienna, Austria);
  • Prima valutazione in campo di un sistema innovativo per il monitoraggio continuo di PRRSV-compresivo di un sistema Holtkamp modificato- in allevamenti dell’Europa occidentale (Karien Koenders, Eric van Esch – Lintjeshof and Merefeld Livestock Diagnostics, Paesi Bassi);
  • Gestione di una scrofaia PRRS positiva- introduzione della rimonta e biosicurezza (Hanne Bak, Gitte Drejer – Danvet, Denmark).

“Questo European PRRS Research Award fa davvero la differenza in quanto unisce il mondo scientifico e i professionisti nel campo della suinicoltura, per erogare il finanziamento ai tre progetti più importanti che rispondono alle questioni più urgenti sul campo in merito alla Prrs,” commenta Marius Kunze, senior global technical service manager swine, responsabile per il premio.

La giura

Il board di revisione indipendente dell’European Prrs Research Award è presieduto da Enric Mateu (Universidad Autònoma de Barcelona) ed è composto da membri provenienti dal mondo accademico e dal settore suinicolo: Helle Jessen (Danvet), Andrea Ladinig (Vetmeduni Vienna), Giovanbattista Danilo Guadagnini (PigVet), Gyula Balka (Veterinary Medicine Budapest), Michele Drigo (Università di Padova) e Torsten Pabst (Tierarztpraxis Dr. Pabst).