AboutPharma and Medical Devices

Cala la reputazione di Big Pharma, ma si può migliorare

Soffre la reputazione di Big Pharma agli occhi dei pazienti. Lo attesta il rapporto annuale Patient View, società di ricerca e consulenza del Regno Unito specializzata nel settore healthcare. Nel 2016 soltanto il 37,9% delle organizzazioni di pazienti ritiene che l’industria farmaceutica abbia una reputazione aziendale “eccellente” o “buona”, un dato in peggioramento rispetto al 2015 (-6,8%) e al di sotto del dato raggiunto nel 2014 (39%). Il lavoro si basa sulle opinioni espresse, attraverso dei questionari, da 1.463 associazioni di pazienti in 105 Paesi e riguarda ben 47 multinazionali del farmaco. I risultati sono stati pubblicati di recente nel report “Corporate Reputation of Pharma in 2016: the patient prospective”. Lo studio suggerisce anche quali sono le mosse cui le aziende farmaceutiche dovrebbero dar seguito per curare meglio la propria reputazione. Sono in tutto quattordici: al primo posto figura “Instaurare buone relazioni con le associazioni dei pazienti” mentre agli ultimi due compaiono “Ispirare il marketing all’etica” e “Gestire meglio le notizie “negative” sui farmaci”. Il discorso incrocia gli ultimi dati diffusi da Transparency International, Censis, Ispe-Sanità e Rissc a proposito della corruzione del settore sanitario. Grande attenzione anche sul codice degli appalti e ai suoi effetti controversi.

Continua a leggere sul numero di maggio 2017 di AboutPharma and Medical Devices