AboutPharma and Medical Devices

Cercando il Sacro Graal: diagnosticare i tumori con la biopsia liquida

diagnosticare i tumori con la biopsia liquida

Tra realtà e ricerca (e speranza). È la prima distinzione da fare parlando di biopsia liquida, innovativa tecnica che permette di analizzare il materiale di origine tumorale (cellule e Dna libero) circolante nei fluidi corporei, per raccogliere più informazioni possibili sul tumore. Negli ultimi cinque anni si è avuto un exploit di studi e progressi con l’obiettivo di giungere a metodi per diagnosi precoci e non invasive (questa è la ricerca) o per monitorare un tumore in fase avanzata, diagnosticato in precedenza (e questa è la realtà, per giunta limitata in Italia al solo tumore del polmone).

Cosa intendiamo per biopsia liquida

“Per biopsia liquida oggi intendiamo prevalentemente un test basato sul prelievo del sangue del paziente con lo scopo di analizzare sia le cellule tumorali circolanti, sia il Dna libero circolante nel sangue del soggetto in esame”, spiega Giulia Siravegna ricercatrice presso il Laboratorio di oncologia molecolare del Candiolo cancer institute (Torino). “Noi ci occupiamo di Dna tumorale circolante, che viene rilasciato dalle cellule tumorali in maniera attiva o passiva, presumibilmente in seguito a morte cellulare. Sul Dna poi svolgiamo una serie di analisi genomiche che ci permettono di identificare diverse alterazioni molecolari come mutazioni puntiformi, piccole delezioni di inserzioni, variazioni del numero delle copie, che forniscono informazioni sulla biologia del tumore. Possono essere sfruttati anche altri fluidi come saliva, urina e liquido cerebro spinale, che danno però indicazioni specifiche per quel particolare distretto (es. cavo orale, apparato urinario, cervello etc.) mentre il sangue passando in tutti i distretti dell’organismo riassume meglio la patologia nel suo insieme”.
Ma andiamo per ordine, partendo dalla ricerca e in particolare da una delle più recenti che ha fatto molto parlare di sé. Chi non vorrebbe avere a disposizione un test universale in grado di diagnosticare un tumore in fase precoce con un semplice esame del sangue?

Continua  a leggere sul numero 156 di AboutPharma and medical devices