AboutPharma and Medical Devices

Cingolani: “Il medico di domani? Userà 3D, robot e quantistica ma non agirà da solo”

La medicina del futuro si servirà di digitale, stampa 3D, robotica e persino meccanica quantistica. Ma il medico di nuova generazione non sarà un superuomo capace di padroneggiare tutte le discipline, bensì un professionista capace di parlare con esperti di altri campi, dall’ingegneria all’informatica, utilizzando un linguaggio comune. “Se nessuno di noi si mette a parlare con il vicino e ad apprendere, tra vent’anni saremo esattamente come ora, e quindi superati: medioevo”.

Parola di Roberto Cingolani, direttore scientifico dell’Istituto italiano di tecnologia di Genova, il centro pubblico di ricerca che ha anche contribuito alla stesura del progetto Human Technopole che sta per nascere nell’area ex Expo a Milano. Lo scienziato, che prova a immaginare come si evolverà il lavoro del professionista delle life science da qui ai prossimi anni, non nega che sul breve periodo ci potrebbero essere problemi per l’occupazione, ma intravede grandi potenzialità dal dialogo tra discipline e saperi diversi.

Leggi l’intervista sul numero di giugno 2017 di AboutPharma and Medical Devices