AboutPharma and Medical Devices

Farmaci omeopatici: chi ha paura dell’Aic?

Mancano due mesi alla scadenza fissata per presentare in Aifa i dossier registrativi. Come stabilito dall’articolo 1, comma 590, contenuto nella Legge di Stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), il 30 giugno prossimo dovrà completarsi la procedura che è propedeutica all’ottenimento di Aic per ciascuna referenza. Senza tale autorizzazione, dopo il 31 dicembre 2018, non sarà più possibile distribuire in farmacia i prodotti che ne sa¬ranno privi. Omeoimprese denuncia la drastica riduzione dei prodotti sugli scaffali e chiede una proroga al Governo. Secondo l’associazione che raggruppa sedici produttori italiani, infatti, rispetto ai 13-14 mila medicinali omeopatici attualmente presenti sul mer¬cato, non saranno più di 5-6 mila quelli che disporranno di Aic in tempo utile.
Il contesto attuale, inoltre, non aiuta. Sempre secondo Omeoimprese il 2016 è stato l’annus horribilis dell’omeopatia italiana con un decremento sia di fatturato (-4,8%) che di pezzi venduti (-7,4%). Nell’ultimo anno le aziende avrebbero bruciato qua¬si 15 milioni di euro, anche a causa della scadenza del 30 giugno 2017. Intanto Boiron contesta l’ipotesi di ulteriori dilazioni. Il principale produttore di omeopatici presente sul mercato italiano – 42,5% a volumi, 33,5% a valori secondo i più recenti dati di QuintilesIms – s’è attrezzata per tempo per sfornare dossier e non condivide le pressioni di Omeoim¬prese (cui peraltro non è associata). Spiega Silvia Nencioni, amministratore delegato di Boiron Italia: “In Italia di proroghe ce ne sono state fin troppe, almeno sette. Noi ai dossier stiamo lavorando già dal 2006, considerato che il decreto recepiva una direttiva europea del 2001 e che nella normativa si fa riferimento alle specificità degli omeopatici. Anche le altre aziende avrebbero potuto cominciare a organizzarsi. D’accordo, è vero che per varie ragioni ci siamo potuti attivare forse due o tre anni dopo, ma il tempo ormai è passato”.

Continua a leggere sul numero di maggio 2017 di AboutPharma and Medical Devices