Zcube, al via la call for ideas dell’Open accelerator per le startup attive nelle scienze della vita

scout di tecnologie
Pubblicato il: 10 Aprile 2017|

Zcube, il research venture del gruppo farmaceutico Zambon, lancia la seconda edizione del programma di accelerazione Open accelerator dedicato alle scienze della vita. L’iniziativa si rivolge a ricercatori, scienziati e aspiranti imprenditori italiani e internazionali che seguiranno un percorso in 12 tappe, finalizzato alla selezione dei progetti meritevoli di ricevere un investimento seed, fino a un massimo di 100 mila euro a progetto.

La call for ideas sarà aperta fino al 16 luglio 2016 e riguarda quattro macro aree d’interesse: drug delivery systems (tecnologie innovative per la somministrazione di farmaci e il rilascio controllato e mirato all’interno dell’organismo); open source prototyping: medical device, biomarkers, diagnostica (piattaforme tecnologiche innovative per la prevenzione e diagnosi quali dispositivi diagnostici professionali e applicazioni biometriche avanzate); wearable e digital health (dispositivi indossabili che migliorino la qualità di vita dei pazienti e soluzioni tecnologiche rivolte a migliorare i servizi sanitari); big data (analisi e utilizzo dei dati che consentano la riduzione dei costi sanitari attraverso diagnosi più efficaci).

“ZCube da anni è impegnata nello sviluppare partnership nel campo della ricerca a livello mondiale grazie a un approccio aperto e relazioni consolidate con ricercatori italiani e stranieri, con centri di eccellenza e le università di tutto il mondo”, dice Elena Zambon, presidente di Zambon. “Il programma di Open accelerator è l’evoluzione di ZCube per dare respiro all’innovazione nel campo della salute, sia essa di stampo scientifico sia digitale, che è il grande agente di cambiamento di molti settori e ancor di più del nostro”.

Il lancio del programma avviene attraverso il sito internet openaccelerator.it. Un massimo di 30 progetti meritevoli, sia italiani che internazionali, saranno selezionati e parteciperanno al programma di accelerazione che prevede un percorso formativo dove i giovani ricercatori saranno affiancati da mentor e advisor che includono imprenditori, business angel, venture capitalist ed esperti provenienti da aziende di rilievo nei quattro segmenti della call.

Il percorso di accelerazione è rivolto a ricercatori e scienziati che hanno l’ambizione di fare ricerca traslazionale e la parte didattica sarà composta dagli elementi base di un modello di business, secondo la consolidata metodologia di business model canvas già adottata dalla National Science Foundation (NSF) e dal National Institute of Health (NIH) negli Stati Uniti.

ZCube ha recentemente siglato una partnership con Iab – Italian angels for biotech, la prima associazione di business angel esclusivamente dedicata alle scienze della vita e Innogest, uno dei principali venture capital che opera sia in Italia che in Europa. Gli esperti di Iab e Innogest, insieme ad altri esperti internazionali, parteciperanno nel ruolo di mentor e advisor del percorso di accelerazione per guidare gli startupper nella definizione del progetto imprenditoriale e sviluppare la loro go-to-market strategy. Alla fine del programma le idee più innovative potrebbero ricevere l’investimento seed fino a 100 mila euro.

L’acceleratore è ospitato all’interno di Open Zone, il campus scientifico alle porte di Milano che ospita 22 società operanti nel campo delle biotecnologie e nel life science.

Tag: acceleratore / business angel / Elena Zambon / IAB / Innogest / life science / Open Accelerator / Zambon / ZCube /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE