Biotech: Tiziana Mattioni è chief operating officer di Genenta Science

Pubblicato il: 3 Settembre 2015|

La start-up biotecnologica Genenta Science ha annunciato oggi l’ingresso di Tiziana Mattioni nel ruolo chief operating officer. Proviene da Merck Serono dove ha ricoperto responsabilità crescenti nell’area Clinical Trial Operations e Medical Safety fino all’ultima carica di director global program leader oncology. Mattioni ha conseguito un dottorato in Microbiologica presso l’Università di Genova e in Biologia Cellulare presso l’Università di Ginevra ed è stata assegnista di ricerca presso la Dana-Faber Cancer Center di Boston, lo Sloan-Kettering Cancer Center di New York e l’Università di Ginevra.
“Con oltre 20 anni di esperienza internazionale nella gestione  di progetti di R&S e nelle aree terapeutiche, Tiziana sarà un’ottima risorsa per continuare lo sviluppo e la crescita di Genenta Science” ha dichiarato il presidente e Ceo Pierluigi Paracchi.
Genenta Science – di cui abbiamo parlato sul numero di novembre di Aboutpharma and Medical Devices (n°123) – è nata a luglio 2014 come spin off del San Raffaele dalle ricerche di Luigi  Naldini sull’utilizzo di vettori virali derivati dal virus Hiv. Fondata dall’Ospedale San Raffaele, da Pierluigi Paracchi (venture capitalist e già investitore e Consigliere  di amministrazione  di Eos) e dagli scienziati  Luigi  Naldini  (direttore  dell’Istituto  San  Raffaele – Telethon  per  la Terapia  Genica e della  Divisione  di Medicina  Rigenerativa,  Cellule  Staminali  e Terapia  Genica  dell’Ospedale  San Raffaele) e Bernhard Gentner (ematologo e Ricercatore all’Ospedale San Raffaele e presso il Tiget), la start-up  ha completato lo scorso  marzo il primo round di finanziamento raccogliendo 10 milioni di euro.

Tag: Genenta Science / Luigi Naldini / Pierluigi Paracchi / San Raffaele /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE