Distribuzione farmaci, i grossisti in difficoltà chiedono credito d’imposta e tagli alle accise

distribuzione farmaci
Pubblicato il: 26 Luglio 2022|

I grossisti del farmaco chiedono alle istituzioni misure urgenti per far fronte alle difficoltà che il settore sta vivendo, a causa soprattutto dei rincari di energia e carburante. L’Associazione distributori farmaceutici (Adf) e Federfarma Servizi, in una nota congiunta, rilanciano le proposte per l’introduzione di un credito d’imposta e il taglio delle accise sui carburanti, che potrebbero dare ossigeno alle aziende del comparto. Ad aggravare la situazione, ricordano le due sigle, una remunerazione inadeguata delle attività svolte per il Servizio sanitario nazionale (Ssn) e alcune criticità nella catena di approvvigionamento che “rischiano di incrinare il servizio di distribuzione dei medicinali nelle farmacie”.

La distribuzione dei farmaci a rischio

“Le nostre aziende danno prova ogni giorno di un servizio straordinario rifornendo più volte al giorno e in modo capillare tutte le farmacie sull’intero territorio nazionale. Il valore sociale del nostro lavoro è sotto gli occhi di tutti. Ma oggi, in mancanza di risposte concrete, potremmo non riuscire più a garantire la qualità e la puntualità della distribuzione dei farmaci”, il presidente di Adf, Walter Farris.

Fare presto, nonostante la crisi

Le due associazioni, riporta la nota, sono consapevoli che la crisi di Governo “rende più complesso ottenere risposte tempestive dalla politica alle istanze richiamate dal settore ormai da lungo tempo”, ma ribadiscono “la straordinarietà del momento e l’assoluta urgenza di interventi concreti, già nei prossimi appuntamenti normativi estivi”.

L’impegno dei grossisti

A fronte di richieste rimaste inascoltate, i grossisti farmaceutici sottolineano gli impegni straordinari richiesti alla categoria. Ad esempio, distribuire gratuitamente, insieme alle farmacie, gli antivirali per uso orale contro il Covid–19. “Svolgiamo un servizio pubblico essenziale senza alcun supporto: senza interventi sostanziali e di immediata efficacia non potremmo continuare ad assicurare la tutela della salute pubblica come facciamo da sempre quotidianamente”, commenta il presidente di Federfarma Servizi, Antonello Mirone.

Tag: Adf / Antonello Mirone / Associazione distributori farmaceutici / Federfarma Servizi / Walter Farris /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE