Gilead, al via una collaborazione con Dragonfly per sviluppare cellule Nk in oncologia

Gilead
Pubblicato il: 2 Maggio 2022|

Gilead Sciences e Dragonfly Therapeutics hanno annunciato una collaborazione per far progredire una serie di nuove immunoterapie basate sul coinvolgimento delle cellule natural killer (Nk) di Dragonfly per indicazioni oncologiche e infiammatorie. Secondo i termini dell’accordo, Gilead effettuerà un pagamento anticipato di 300 milioni di dollari e riceverà una licenza esclusiva mondiale da Dragonfly per il programma di immunoterapia sperimentale mirato al 5T4, DF 7001.

Nuova arma contro i tumori

Gli attivatori di cellule Nk rappresentano un nuovo meccanismo con il potenziale per affrontare un’ampia gamma di tumori, compreso il potenziale di attività nei tumori resistenti al checkpoint e refrattari, nonché in altre aree patologiche come l’infiammazione. L’accordo concede inoltre a Gilead la possibilità, dopo il completamento di alcune attività precliniche, di concedere in licenza diritti esclusivi e mondiali per lo sviluppo e la commercializzazione di ulteriori programmi di attivazione delle cellule NK utilizzando la piattaforma NK Engager (TriNKET) specifica per Dragonfly Tri. I TriNKET sono attivatori del sistema immunitario innato e adattativo, reclutando cellule NK e T citotossiche nel microambiente tumorale.

La terapia

DF7001 è un TriNKET progettato per attivare e dirigere l’uccisione delle cellule NK e T citotossiche contro le cellule tumorali. L’obiettivo di DF7001 è 5T4, una proteina espressa sulle cellule tumorali e sulle cellule stromali che supportano la crescita del tumore associata a prognosi sfavorevole in diversi tumori, tra cui il cancro del polmone non a piccole cellule (Nsclc), il cancro del pancreas, il cancro al seno e lo squamoso della testa e del collo carcinomi cellulari (Hnscc). DF7001 ha il potenziale per innescare l’uccisione di cellule che esprimono 5T4+, comprese le cellule tumorali, i fibroblasti associati al cancro e le cellule staminali del cancro. Il programma è sulla buona strada per presentare una domanda di Investigationa new drug (Ind) nella prima metà del 2023.

Espandere la pipeline

“Siamo felici di collaborare con Dragonfly mentre espandiamo la nostra pipeline con innovativi programmi di coinvolgimento delle cellule Nk. Utilizzando il nostro quadro scientifico per concentrare i nostri sforzi, stiamo ampliando il nostro portafoglio con risorse che hanno Moa complementari e solide basi scientifiche per opportunità di combinazione”, ha affermato Flavius ​​Martin, vicepresidente esecutivo, ricerca presso Gilead. Il senso della partnership “L’investimento di Gilead in Dragonfly, e in particolare in DF7001, rafforza il valore della nostra piattaforma TriNKET e l’approccio differenziato e sostenibile incentrato sulle persone con cancro e malattie infiammatorie”, ha affermato Bill Haney, co-fondatore e amministratore delegato di Dragonfly. “Gilead ha una comprovata esperienza nello sviluppo e nella commercializzazione ed è un partner perfetto per la nostra esperienza e piattaforma scientifica. Non vediamo l’ora di lavorare con il team di Gilead per far progredire nuove opzioni di trattamento laddove vi sia un’elevata esigenza insoddisfatta”.

Tag: bill haney / dragnofly therapeutics / flavius martin / Gilead / nk engager /

CONDIVIDI

AP-DATE

L'INFORMAZIONE OGNI GIORNO

SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE