AmCham Italy e Genenta Science lanciano Bowling Green Bull, il think tank delle aziende italiane quotate negli Usa

Pubblicato il: 25 Luglio 2022|

Nasce il think tank delle aziende e degli imprenditori italiani quotati o quotandi sui mercati dei capitali americani. L’iniziativa Bowling Green Bull (BGB) è stata promossa dalle aziende fondate o gestite da italiani nel mondo, quotate sui mercati dei capitali americani, e vuol essere un punto di incontro, confronto, discussione e crescita per tutti quegli imprenditori che stanno sviluppando una visione internazionale e vogliono interfacciarsi con il mondo finanziario Usa. BGB, promosso da American chamber of commerce in Italy (AmCham Italy) e Genenta Science (azienda biotech quotata sul Nasdaq), ha tra i partecipanti Bank of America, Brunswick Group, Cleary Gottlieb Steen & Hamilton LLP, Docebo, D- Orbit, Equita, Kairos Partners, Nasdaq, Petrone Group, oltre ad altre aziende italiane quotate sui mercati finanziari americani.

Percorso di internazionalizzazione delle aziende italiane

Tanya Cole, principal commercial officer del consolato generale Usa di Milano, nel corso del primo incontro ha illustrato il programma SelectUSA che ha l’obiettivo di supportare le imprese italiane a cogliere le opportunità di investimento in un mercato crescente e stabile come quello statunitense. “Questa iniziativa si inserisce all’interno del percorso di internazionalizzazione verso gli Usa delle aziende italiane – ha commentato Simone Crolla, managing director di American chamber of commerce in Italy – un elemento che AmCham Italy ha reso punto strategico del suo impegno nel rafforzamento delle relazioni transatlantiche. In un momento di grande trasformazione, questo progetto vuole essere un punto di riferimento per le imprese italiane in fase di espansione e che guardano con interesse ai mercati dei capitali come elemento di crescita. Quello americano è senza dubbio il più competitivo, raccogliendo i principali investitori mondiali. L’obiettivo che BGB si dà è di aiutare le imprese italiane nell’affrontare al meglio questo percorso e di costruire un cluster di eccellenze italiane che possano aumentare la propria visibilità verso gli investitori americani”.

Il Bowling Green Bull

Il nome deriva dal Charging Bull, noto anche come Toro di Wall Street, simbolo dell’impeto rialzista delle borse, realizzato da un artista italiano, Arturo Di Modica, e installato nello spazio antistante il New York Stock Exchange nel dicembre 1989, come forma di guerrilla marketing. I dirigenti della Borsa, non contenti per il toro che non avevano commissionato, ricollocarono subito la scultura in un angolo del parco Bowling Green Park, all’inizio della Broadway. L’iniziativa prende quindi ispirazione da questa storia, che è diventata un’icona delle borse in tutto il mondo. Da allora, uno dei nomi dati a Charging Bull è proprio Bowling Green Bull.

Spazio aperto al confronto

“Genenta ha concluso con successo la recente quotazione al Nasdaq – ha aggiunto Pierluigi Paracchi, co–founder e ceo di Genenta Science e coordinator del BGB – grazie al supporto di investitori americani e europei. Questo ci ha consentito di acquisire un’esperienza unica sui processi e le sfide che attendono chi voglia intraprendere lo stesso cammino. Ci relazioniamo ogni giorno con investitori, analisti, banche e authority e metteremo la nostra expertise a disposizione dei membri di BGB. Il confronto con altre imprese, imprenditori, manager, che hanno fatto e che vogliono fare il medesimo percorso, porterà un alto valore aggiunto per noi di Genenta per tutti i membri di BGB. Il successo dell’Italia e la reputazione che ogni singola azienda ha sui mercati finanziari americani passa anche da un approccio di sistema, basato sullo scambio di competenze e sull’eccellenza dei manager”.

Tag: amcham italy / arturo di modica / bowling green bull / charging bull / Genenta Science / new york stock exchange /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE