Novartis, Daniel Vasella lascia. Jörg Reinhardt nuovo numero uno del gruppo

Pubblicato il: 23 Gennaio 2013|

Il leader storico di Novartis, Daniel Vasella, lascia dopo oltre 16 anni il Gruppo che ha guidato sin dalla nascita, ai tempi della fusione fra Ciba e Sandoz avvenuta nel 1996: “Vasella – fa sapere l’azienda – non solleciterà un nuovo mandato nell’assemblea di febbraio”. L’annuncio è arrivato nel giorno in cui Novartis ha comunicato i risultati, positivi, dell’esercizio 2012, contrassegnato da una crescita dell’utile netto, che si è attestato a 9,6 miliardi di dollari (+4% rispetto al 2011). Il fatturato del colosso svizzero è invece calato del 3% rispetto all’anno precedente, arrestandosi a 56,7 miliardi di dollari, mentre il risultato operativo è salito del 5%, raggiungendo gli 11,5 miliardi di dollari. Queste cifre, complessivamente incoraggianti, hanno generato un immediato rialzo del titolo Novartis nella Borsa svizzera.  

La notizia che ha destato più sorpresa resta comunque quella dell’avvicendamento alla guida del Gruppo. Il sessantenne Vasella, svizzero del Cantone dei Grigioni, lascia il posto al 56enne Jörg Reinhardt, tedesco entrato in Sandoz nel 1982 e confluito a seguito della fusione in Novartis, Gruppo del quale è stato direttore operativo nel triennio 2008-2010. Nella recente storia professionale di Reinhardt c’è anche un passaggio in Bayer, come responsabile della divisione Salute, nel 2010, allorché la sua candidatura alla carica di Ceo di Novartis cadde in favore dello statunitense Joe Jimenez. Reinhardt entrerà in carica ad agosto, fino ad allora il CdA sarà guidato ad interim dall’attuale vicepresidente, Ulrich Lehner.

Tag: 2012 / Ceo / chairman / in&out / novartis / nuove nomine /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE