Patologie della retina, Boehringer pronta a scommettere 600 milioni sull’anticorpo bispecifico di Surrozen

patologie retiniche
Pubblicato il: 7 Ottobre 2022|

Boehringer Ingelheim punta gli occhi su Surrozen, biotech californiana che progetta e sviluppa un trattamento per le malattie associate ai vasi sanguigni della retina. In base all’accordo, Boehringer pagherà in anticipo 12,5 milioni di dollari per sviluppare gli studi preclinici progettati per rigenerare il tessuto oculare sano e contrastare la malattia della retina.

Licenza esclusiva

Il colosso tedesco riceverà una licenza esclusiva mondiale per lo sviluppo dell’anticorpo bispecifico di Surrozen (SZN-413). Oltre ai 12,5 milioni in anticipo, secondo la ricostruzione del sito specializzato Fierce biotech, Surrozen potrebbe guadagnare fino a 586,5 milioni in pagamenti milestone, oltre a royalties su qualsiasi potenziale vendita. Dopo un periodo di ricerca congiunta, la big pharma si assumerà tutte le responsabilità commerciali e di sviluppo.

Cosa sviluppa Surrozen

Surrozen ha progettato Szn-413 per trattare le malattie associate ai vasi sanguigni della retina tramite le vie di segnalazione Wnt, che svolgono un ruolo significativo nel mantenimento e nel rinnovamento delle cellule immunitarie. Dati preclinici hanno dimostrato che l’anticorpo bispecifico può stimolare la segnalazione Wnt nell’occhio, indurre la normale ricrescita dei vasi retinici, fermare la crescita patologica dei vasi e ridurre la perdita vascolare. L’approccio potrebbe potenzialmente aiutare a rigenerare il tessuto oculare sano, il che non solo congelerebbe la retinopatia ma potrebbe consentire una completa inversione della malattia, secondo Surrozen.

Il debutto in borsa

La biotecnologia in fase clinica ha debuttato sul Nasdaq nell’agosto 2021 dopo un accordo con la società di acquisizione per scopi speciali Consonance-HFW Acquisition Corp. Surrozen sta sviluppando una pipeline in più aree patologiche, con due studi di fase 1 sulla malattia infiammatoria intestinale e sull’epatite alcolica grave.

Tag: Boehringer Ingelheim / fierce biotech / surrozen /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE