Roche: un accademico alla guida della Ricerca

Pubblicato il: 16 Gennaio 2013|

Roche si affida a un prolifico accademico statunitense per rilanciare la sua attività di ricerca, definita dal New York Times “in ritardo” (lagging): John C. Reed, Chief Executive del Sanford-Burnham Medical Research Institute di San Diego, diventerà ad aprile capo della Ricerca farmaceutica Roche e del Gruppo di early development (che si occupa delle prime fasi di sviluppo dei nuovi prodotti).

Durante il mandato di Reed – ben 11 anni – il Burnham Institute è cresciuto rapidamente, ha aperto un nuovo sito di ricerca in Florida, ha esteso le sue competenze dalla ricerca di base alla scoperta di nuovi farmaci – in alcuni casi anche attraverso collaborazioni con le aziende farmaceutiche – e ha ricevuto la più ingente donazione della sua storia: 50 milioni di dollari dalle tasche dell’industriale T. Denny Sanford, una somma che ha indotto l’Istituto a modificare la sua denominazione.

Reed ha una laurea in medicina e un dottorato di ricerca, è autore di oltre 800 pubblicazioni scientifiche ed è anche un triatleta, noto per essere in ufficio intorno alle tre e mezza del mattino, anche se ora, assicura il New York Times, “nelle prime ore del giorno lavora da casa, grazie all’ausilio di personal computer più efficienti”.

Tag: in&out / nomine / ricerca e sviluppo / roche /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE