Sedazione in medicina di emergenza-urgenza, le società scientifiche scrivono al ministro

Pubblicato il: 30 Giugno 2015|

Con una lettera indirizzata al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, quattro sigle della medicina di emergenza-urgenza intervengono nel dibattito sollevato il 23 giugno scorso da un appello di Aaroi-Emac, Siared, Siaarti e Siaatip con cui si chiede prudenza nell’utilizzo del termine “sedazione” in merito a procedure operative mediche a bassa complessità e/o invasività svolte in NORA (Non operating room)”. Oggi Simeu (Società italiana della medicina di emergenza-urgenza), Simeup (Società italiana di medicina di emergenza-urgenza pediatrica), Sis118 (Società Italiana Sistema 118) e Fimeuc (Federazione italiana medicina di emergenza), intervengono ribadendo la necessità di mantenere la distinzione fra “anestesia generale” e “sedazione procedurale”.

“Il primo punto – si legge nella lettera – è sostanziale oltre che semantico: pur iscrivendosi entrambe nel “continuum della sedazione”, la sedazione procedurale e l’anestesia generale costituiscono due differenti modalità di supporto ai pazienti in corso di molteplici interventi di diversa natura e complessità. Il fatto che in molti casi il livello di depressione dello stato di coscienza e di modifica dei riflessi che si raggiunge nel corso della procedura sia diverso da quello atteso (sedazione lieve o moderata vs sedazione profonda vs anestesia) non comporta l’assimilazione concettuale delle due entità, ma determina l’assoluta necessità di una piena competenza nella gestione degli effetti indesiderati o avversi (stato di coscienza depresso o abolito, vie aeree non protette, alterazioni funzionali respiratorie e circolatorie). Mantenere la terminologia più scientifica, distinguendo tra “anestesia generale” e “sedazione procedurale”, è fondamentale al fine di identificare rapidamente e correttamente le due differenti aree di competenza, come documentato da una grande mole di letteratura scientifica a livello mondiale, prodotta soprattutto nell’ambito disciplinare anestesiologico e in quello della medicina d’urgenza. I contesti in cui si applicano le due modalità sopradescritte sono molto diversi: dalla sala operatoria alle sale di diagnostica radiologica ed endoscopica, dagli ambulatori delle diverse specialità chirurgiche agli studi odontoiatrici, dal Pronto Soccorso ai “teatri” dell’emergenza territoriale (dalla strada al domicilio dei pazienti)”.

Secondo i firmatari, “l’anestesia è indispensabile sia in sala operatoria che al di fuori della sala, dove viene identificata con l’acronimo NORA (Non Operating Room Anesthesia); la sedazione procedurale è altrettanto indispensabile in molti contesti, sia in ambito elettivo (procedure programmate ospedaliere o ambulatoriali) sia nell’ambito dell’emergenza-urgenza (territoriale e ospedaliera). Se l’anestesia è di competenza monodisciplinare (specialisti in Anestesia e Rianimazione), la sedazione procedurale è di competenza di diverse discipline, che sicuramente includono la Medicina di Emergenza Urgenza.Tale posizione è sostenuta da solidissime evidenze pubblicate sulla letteratura pertinente internazionale, dalle linee guida prodotte da molte società scientifiche e anche dalle normative nazionali; in particolare la sedazione procedurale e la gestione delle vie aeree rientrano tra le competenze da acquisire obbligatoriamente durante il percorso formativo nella scuola di specializzazione sia per gli Anestesisti Rianimatori che per i Medici di Emergenza Urgenza”.

Infine, le sigle firmatarie della lettera offrono “piena disponibilità a collaborare con le società anestesiologiche sia a livello nazionale, in un eventuale tavolo ministeriale paritetico sul tema della sedazione procedurale, sia a livello locale, per la produzione di protocolli operativi che garantiscano al meglio la risposta alle esigenze dei pazienti in assoluta sicurezza, prendendosi carico anche della formazione continua degli operatori”.

Tag: anestesia / sedazione / Siaarti / Siaatip / siared / simeu / Sis118 /

CONDIVIDI

AP-DATE

L'INFORMAZIONE OGNI GIORNO

SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE