Società italiana medicina interna: Giorgio Sesti al vertice

Pubblicato il: 10 Gennaio 2022|

Giorgio Sesti è il nuovo presidente della Società italiana di medicina interna (Simi). Professore ordinario all’Università La Sapienza e direttore della Uoc di Medicina Interna dell’Azienda ospedaliera universitaria Sant’Andrea’ di Roma, guiderà la Simi fino al 2024. Sesti è anche presidente onorario della Società italiana di diabetologia, che ha guidato nel biennio 2016-2018.

Carriera e riconoscimenti

Autore di numerose pubblicazioni, Sesti è stato incluso nella lista dei “World’s top 2% Scientists” (aggiornata al 2021) secondo una ricerca bibliometrica della Stanford University (Usa). Nel corso della carriera ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra i quali il premio “Fabio Tronchetti” Schering-Sue, massimo riconoscimento ai migliori studiosi under 40 per ricerche in endocrinologia conferito dalla Società italiana di endocrinologia. Dalla Società italiana di diabetologia ha ricevuto il premio Alcmeone-Sid per i migliori studiosi under 45 e il premio Sid-Celso alla carriera. L’Ordine dei farmacisti gli ha conferito il premio “Fondazione Il Caduceo”.

La Società italiana di medicina interna

La Società italiana di medicina interna è – sottolinea la Simi in una nota – la più antica società scientifica italiana, fondata nel 1887. La sua mission è prevenire e ridurre il carico sulla salute pubblica delle malattie croniche di largo impatto (come quelle cardiovascolari, polmonari e il diabete tipo 2), per consentire alle persone di vivere meglio e più a lungo. Conta tra i suoi iscritti oltre quattromila mila soci, sia di estrazione universitaria, che ospedaliera ed ha un ricco programma ad hoc rivolto agli specializzandi in medicina interna e ai giovani specialisti.

Tag: Giorgio Sesti / in&out / medicina interna / Simi /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE