Stipendi, il farmaceutico è il secondo settore più retribuito in Italia

Stipendi, il farmaceutico è il secondo settore più retribuito in Italia
Pubblicato il: 15 Gennaio 2019|

Il farmaceutico è il secondo settore più retribuito in Italia. A dirlo è un report di Badenoch & Clark, azienda specializzata nel recruiting di manager ed executive, in collaborazione con JobPricing. L’indagine si basa su 400 mila osservazioni tenendo in considerazione la retribuzione annuale lorda (Ral), le quote varibili e i dati di settore.

La fotografia italiana

Il farmaceutico è in grande spolvero nel Bel Paese. Unico settore a non aver perso colpi a novembre 2018 secondo l’Istat insieme all’alimentari, vede nell’export la sua carta vincente. Nel 2017 le retribuzioni sono cresciute con una media dello 0,2%. Trend inferiore a quello registrato nel 2016, in cui le retribuzioni erano cresciute su base annua del 2,1%. I salari dei dirigenti sono pari a circa il doppio di quelle dei quadri, il triplo di quelle degli impiegati e il quadruplo di quelle degli operai. I dirigenti nel 2017 hanno registrato un incremento retributivo dello 0,6% sul 2016. Per i dirigenti la quota variabile è consistente. Stando ai dati è pari a una media di oltre 19 mila euro e riferita al 77,8% di dirigenti che nell’ultimo anno ha percepito una quota variabile. L’incidenza media sulla Ral di queste figure è pari al 20,2%.

Prime le banche

Il Ral del settore supera in media i 40 mila euro lordi annui. L’andamento delle retribuzioni nel 2017 è stato positivo per pharma, con un incremento dello 0,3% in linea con il trend nazionale. Dal 2013 la dinamica retributiva nel settore è stata positiva per gli impiegati, male per per quadri e dirigenti. Il settore farmaceutico retribuisce i quadri in linea con il mercato nazionale, i dirigenti leggermente superiore, gli impiegati con circa 4.400 euro medi in più.

Gli stipendi delle varie figure

I più pagati nel settore, per quanto riguarda i dirigenti, sono i direttori medici che sfiorano quasi i 100 mila euro lordi annui. Per i quadri i medical manager che, seppur staccati, arrivano a guadagnare anche 60 mila euro lordi. Tra gli impiegati spicca la figura del licensing specialist con 36 mila euro. Se poi ci si sofferma sulla farmacovigilanza gli stipendi per i dirigenti salgono. Circa 112 mila euro per il direttore del regulatory affairs e 56 mila per il responsabile del regulatory affairs. un medical advisor arriva invece a guadagnare 35 mila euro.

 

Fonte: Badenoch & Clark

 

Per quanto riguarda la parte clinica un direttore di ricerca clinica arriva fino a 132 mila euro, quasi il doppio, per esempio, di un manager (55 mila) e di un responsabile del laboratorio di ricerca (53 mila). Tecnici e operatori di laboratorio R&S guadagnano poco più di 30 mila euro lordi.

Fonte: Badenoch & Clark

Ci sono poi i settori marketing e vendite. I Ral per i dirigenti arrivano a 108 mila di media per le vendite e 117 mila per un direttore marketing. Un quadro tra i sales e nel marketing arriva fino a 57 mila euro mentre un impiegato, mettendo insieme i due settori può aspirare tra i 39 e 47 mila euro.

Fonte: Badenoch & Clark

Infine i manager nell’ambito della qualità del prodotto e di tutto il processo attorno ad essa arrivano in media a 105 mila euro contro i 34 mila di un impiegato.

Fonte: Badenoch & Clark

 

Tag: retribuzioni /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE