EuniPharma, Lorenzo Wittum (AstraZeneca) a capo delle aziende europee e giapponesi di Farmindustria

Wittum
Pubblicato il: 23 Giugno 2022|

Lorenzo Wittum, presidente e amministratore delegato di AstraZeneca, è il nuovo chairman di EuniPharma, il gruppo di 35 aziende farmaceutiche a capitale europeo e nipponico di Farmindustria che operano in Italia.

Spingere sull’innovazione

“È per me un grande orgoglio assumere la guida di EuniPharma, un gruppo di aziende fortemente orientate all’innovazione che portano al Paese significativi investimenti in ricerca, produzione e occupazione L’industria farmaceutica nel suo complesso è un partner industriale strategico di sviluppo e innovazione per il Paese – spiega Lorenzo Wittum –. Investire in innovazione farmaceutica significa investire in salute, migliorando l’aspettativa di vita dei cittadini e attraendo nuove risorse e talenti per lo sviluppo economico e sociale del Paese. È necessario rafforzare l’alleanza strategica tra le imprese private e le Istituzioni pubbliche e le imprese farmaceutiche Europee e Giapponesi vogliono giocare un ruolo chiave all’interno di Farmindustria per accelerare questo processo”, si legge sul profilo LinkedIn di AstraZeneca.

Il profilo

Wittum ha cominciato la sua carriera internazionale dopo aver conseguito l’Mba all’Iese Business School di Barcellona. Dopo aver lavorato in The Boston Consulting Group, nel 2010 è entrato in AstraZeneca. Qui ha ricoperto posizioni di crescente responsabilità in tutte le aree terapeutiche. È membro del Comitato di presidenza di Farmindustria e del gruppo Lifescience di Assolombarda.

EuniPharma in numeri

Secondo i numeri resi noti da Farmindustria, le aziende di EuniPharma danno occupazione a 24 mila persone, investendo circa 4 miliardi di euro negli ultimi cinque anni. Il fatturato generato nel 2021 ammonta a 9,5 miliardi di euro frutto del lavoro dei 40 siti produttivi operanti sul terriotorio nazionale.

Tag: assolombarda / Astrazeneca / eunipharma / farmindustria / lorenzo wittum /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE