Mattia Altini (Simm) è il nuovo direttore dell’Assistenza ospedaliera della Regione Emilia Romagna

Pubblicato il: 23 Novembre 2022|

Un nuovo incarico per Mattia Altini, presidente della Società italiana di leadership e management in medicina (Simm), che è stato nominato direttore dell’Assistenza ospedaliera della Regione Emilia Romagna. Lascia, così, la direzione sanitaria dell’Ausl Romagna. 

Il nuovo ruolo in Regione

La Simm si congratula con il presidente per il nuovo ruolo e il vice presidente vicario, Camillo Rossi, gli augura buon lavoro. “‘Una storia di incontri certamente misteriosi’, ma sempre più svelati dalla positività e incisività professionale di Mattia Altini, in tutti gli ambiti in cui ha operato, a partire da Simm, ha aggiunto Rossi. 

L’impegno in Simm

Lo scorso aprile Altini è stato confermato alla guida di Simm, ruolo che ricopre dal 2018. Così aveva commentato la sua rielezione: “Si rinnova il mio impegno alla guida della Società italiana di leadership e management in medicina in un momento di grande transizione per la Sanità italiana assieme a tutta la squadra renderemo la Simm un interlocutore di valore per il Ssn sui temi della delocalizzazione, digitalizzazione, edilizia sanitaria e partnership pubblico privato, cercando di superare il mito del Pnrr quale soluzione certa. Ringrazio tutti gli associati Simm per il lavoro costante a favore del Ssn e dei pazienti, che sono sempre al centro delle nostre attività”. 

La carriera

Nato a Forlì, nel 1974, ha conseguito la laurea in Medicina e chirurgia, con specializzazione in Igiene e medicina preventiva e un dottorato in Sanità pubblica e medicina del lavoro. Ha ricoperto anche incarichi di docenza di alta formazione e master universitari presso l’università di Urbino, di Ferrara e di Pesaro.  

Tag: ausl / camillo rossi / Mattia Altini / Regione Emilia Romagna / simm /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE