Zambon, Ilaria Villa nominata direttore generale

Zambon
Pubblicato il: 5 Luglio 2022|

Ilaria Villa è il nuovo direttore generale di Zambon. A nominarla è stato il Consiglio di amministrazione di Zambon, lo scorso 1 luglio, a seguito del rinnovo della governance della società. Villa prende il posto di Roberto Tascione che ha gestito l’azienda dal settembre 2016.

Al via una nuova era

Inizia ora una nuova fase di rafforzamento del gruppo farmaceutico nelle cure specialistiche in campo respiratorio e del Cns, riporta una nota diffusa dalla società. Nell’interesse dei pazienti cui Zambon si rivolge, proseguono con convinzione gli studi clinici in corso per gli importanti progetti di Bronchiectasia e Bos. Con la stessa determinazione prosegue l’impegno a valorizzare la presenza nel Primary Care e Otc attraverso il network internazionale con nuove possibilità di sviluppo di cure e soluzioni terapeutiche e delle capacità industriali, anche per produzioni sofisticate di terzi.

Carriera e profilo

Ilaria Villa viene da UCB dove ha ricoperto il ruolo di vice president Eu operations fino ad aprile 2022. Ha conseguito una laurea in economia politica presso l’Università di Siena e un senior executive Mba presso la Stanford University. Villa ha una vasta esperienza nelle specialties e nelle malattie rare. Ha iniziato la sua carriera nel 2000 presso Schering-Plough e ha ricoperto diversi ruoli di leadership in Allergan, Wyeth Pharmaceutical e Roche, contribuendo al lancio di numerosi farmaci innovativi in diverse aree terapeutiche.

Tag: Allergan / persone / roche / schering-plough / UCB / Wyeth pharmaceutical / Zambon /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE