Brexit: la Lombardia rivendica l’ospitalità alla futura sede dell’Ema

Effetto Brexit
Pubblicato il: 27 Giugno 2016|

Il probabile necessario trasloco dell’Ema da Londra verso altri domicili ricadenti nei nuovi confini dell’Unione delineati dal dopo Brexit non mancano di continuare a suscitare appetiti. A tornare sull’idea lanciata la settimana scorsa dal presidente Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, e rilanciata dal responsabile Sanità del Pd, Federico Gelli, è stato oggi  Roberto Maroni, presidente della Lombardia, la prima Regione farmaceutica d’Europa, avanzando ufficialmente la candidatura di Milano come nuovo domicilio dell’ente regolatorio europeo dei medicinali e associando ad essa conme “rinforzo” la reazione di un fondo ad hoc per i giovani ricercatori rimpatriati.

“Ho lanciato l’idea di portare qui l’Agenzia europea del farmaco, che adesso ha sede a Londra. Mi auguro che il Governo tenga conto di questa richiesta, facendo del nostro capoluogo il punto di riferimento europeo per le biotecnologie e per la salute: Brexit è un’opportunità da sfruttare – ha detto parlando a margine dell’Assemblea di Confcommercio. – Costituirò un fondo da 50 milioni di euro per aiutare i giovani ricercatori che sono andati in Inghilterra a tornare da noi e per attrarre imprese e startup che oggi lavorano nel Regno Unito: l’ho chiamato fondo ‘Come in’, ‘Venite da noi’. Per farlo aprirò un tavolo con le università per capire quali sia il modo migliore per procedere”.

A strettissimo giro il commento di Scacabarozzi: “Fanno benissimo il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e il governatore della Lombardia, Roberto Maroni a chiedere con convinzione il trasferimento dell’Ema a Milano, presso lo Human Technopole – afferma in una nota. – Non siamo secondi a nessuno per titoli, competenze e qualità professionali in campo regolatorio e industriale. Come dimostrano sia l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), riconosciuta a livello internazionale, sia i numeri delle imprese del farmaco. Siamo campioni di produttività, pronti a diventare i primi in Europa. Con un export da record che supera il 70% della produzione, con l’occupazione in netta ripresa (+6.000 addetti nel 2015) e con gli investimenti in Ricerca cresciuti del 15% negli ultimi due anni. Vogliamo giocare e vincere questa partita – conclude il presidente Farmindustria – a beneficio dell’Italia e del suo prestigio nell’Unione Europea”.

 

Tag: Aifa / Brexit / Confcommercio / Ema / farmindustria / Lombardia / Pd / salute /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE