Deficit di sfingomielinasi acida, Fda approva olipudasi alfa per le manifestazioni non legate al sistema nervoso

Fda
Pubblicato il: 2 Settembre 2022|

La Food and drug administration (Fda) ha approvato olipudasi alfa per il trattamento delle manifestazioni non legate al sistema nervoso centrale (non-Cns) del deficit di sfingomielinasi acida (Asmd) in pazienti adulti e pediatrici. Olipudasi alfa è la prima terapia indicata specificatamente per il trattamento della Asmd ed è attualmente l’unico trattamento approvato per questa malattia.

Bill Sibold, vicepresidente esecutivo, responsabile della divisione Specialty Care di Sanofi , ha dichiarato: “I team di Sanofi si sono dedicati a portare speranza ai pazienti affetti da ASMD e alle loro famiglie. Si tratta di una malattia devastante ed estremamente rara che colpisce sia bambini che adulti. L’approvazione di olipudasi alfa rappresenta il culmine del coraggioso lavoro svolto nella ricerca e sviluppo e del nostro costante impegno nei confronti di questa comunità storicamente trascurata”.

La malattia

L’Asmd, storicamente nota come malattia di Niemann-Pick di tipo A, A/B e B, è una malattia genetica estremamente rara e progressiva, con morbilità e mortalità significative. Si stima che negli Stati Uniti vi siano meno di 120 pazienti con diagnosi di ASMD e che circa due terzi di questi siano in età pediatrica. I segni e i sintomi della ASMD possono presentarsi durante l’infanzia, l’adolescenza o l’età adulta e possono includere ingrossamento della milza o del fegato, difficoltà respiratorie, infezioni polmonari, ecchimosi o emorragie, tra le altre manifestazioni della malattia. Finora, il trattamento della ASMD prevedeva cure di supporto per la gestione dei singoli segni e sintomi e un attento monitoraggio per individuare potenziali complicazioni della malattia.

Altre approvazioni

Negli Stati Uniti, olipudasi alfa ha ricevuto la designazione di breakthrough therapy, che accelera lo sviluppo e la revisione di farmaci destinati al trattamento di malattie e condizioni gravi o potenzialmente letali. Fda ha valutato olipudasi alfa nell’ambito della Priority Review, riservata ai farmaci che possono determinare miglioramenti potenzialmente significativi in termini di efficacia o sicurezza nel trattamento di condizioni gravi. Nel marzo 2022, olipudasi alfa è stato approvato in Giappone con la designazione Sakigage (o “pioniere”), segnando la prima approvazione di olipudasi alfa al mondo. Nel giugno 2022, la Commissione europea (Ce) ha approvato olipudasi alfa per l’uso in Europa.

Asmd, come si presenta

L’Asmd può presentare un ampio spettro di malattia, suddiviso in due tipologie: Asmd di tipo A e Asmd di tipo B, che possono rappresentare le estremità opposte di un continuum. L’Asmd di tipo A/B è una forma intermedia che comprende vari gradi di coinvolgimento del sistema nervoso centrale (Snc).

Gli studi

L’approvazione si basa sui dati positivi degli studi clinici Ascend e Ascend-Peds, in cui olipudasi alfa ha mostrato un miglioramento clinicamente rilevante della funzione polmonare (misurata dalla capacità di diffusione del monossido di carbonio, o DLco) e della conta piastrinica, nonché una riduzione dei volumi di milza e fegato, dimostrando un buon profilo di sicurezza.

Melissa Wasserstein, medico di medicina genetica pediatrica, Albert Einstein College of Medicine e Ospedale Pediatrico di Montefiore, ha aggiunto:  “L’Asmd è una malattia genetica estremamente rara, progressiva e potenzialmente fatale che colpisce bambini e adulti in tutto il mondo. Finora, chi vive con l’Asmd non ha avuto alcun trattamento approvato da Fda per affrontare questa condizione devastante. Sono orgogliosa del lavoro svolto e non vedo l’ora di assistere all’impatto che questo trattamento potrà avere sulle persone affette da Asmd”.

Efficacia del farmaco

Lo studio Ascend ha valutato l’efficacia e la sicurezza di olipudasi alfa in 31 pazienti adulti con Asmd di tipo A/B o di tipo B, che sono stati randomizzati a ricevere olipudasi alfa o placebo per 52 settimane. Olipudasi alfa ha migliorato la funzione polmonare, valutata come variazione percentuale dal basale alla settimana 52 della capacità di diffusione polmonare del monossido di carbonio (DLco), e ha ridotto il volume di milza e fegato, valutati come variazione percentuale rispetto al basale.

Novità per i pazienti

Olipudasi alfa, una terapia enzimatica sostitutiva idrolitica lisosomiale specifica per la sfingomielina, è stata studiata per sostituire la sfingomielinasi acida (Asm) carente o difettosa, un enzima che consente la scomposizione del lipide sfingomielina. Nei soggetti affetti da Asmd, la carenza dell’enzima Asm porta all’accumulo di sfingomielina in vari tessuti. Non si prevede che olipudasi alfa attraversi la barriera emato-encefalica o moduli le manifestazioni del Snc dell’Asmd. Olipudasi alfa non è stato studiato in pazienti con Asmd di tipo A. Olipudasi alfa viene somministrato per via endovenosa ogni due settimane e la sua somministrazione richiede una fase di incremento della dose seguita da una fase di mantenimento.

Tag: Commissione europea / Fda / sanofi /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE