Malattia di Crohn, via libera dalla Commissione europea all’uso di risankizumab

Pubblicato il: 24 Novembre 2022|

La Commissione europea ha approvrato risankizumab (600 mg per via intravenosa come dose d’induzione e 360 mg per via sottocutanea per il mantenimento), inibitore specifico di interleuchina-23 (IL-23) indicato per il trattamento della malattia di Crohn attiva da moderata a severa negli adulti che hanno avuto una risposta inadeguata, una perdita di risposta o una intolleranza alla terapia convenzionale o ai biologici.

 L’impatto sulla popolazione

“Ad oggi, si stima vivano in Italia circa 250 mila persone affette da malattie infiammatorie croniche intestinali tra cui la malattia di Crohn. Questo numero è destinato a raddoppiare entro il 2030” spiega Flavio Caprioli, segretario generale del Gruppo italiano per lo studio delle malattie infiammatorie croniche intestinali IG-IBD.

“Si tratta di patologie immunomediate che hanno un impatto molto significativo sulla qualità di vita dei pazienti: l’esordio generalmente avviene tra i 20 e i 30 anni, nel pieno cioè della vita sociale e lavorativa dell’individuo. Ma oggi è possibile migliorare la qualità di vita dei pazienti con malattia di Crohn grazie a nuovi approcci terapeutici sempre più efficaci, come risankizumab, un farmaco per cui sono riportati dati interessanti sia in termini di risposta endoscopica che di remissione clinica”.

Controllo della patologia

“L’approvazione Europea di risankizumab nella malattia di Crohn rappresenta un significativo passo in avanti nel raggiungimento del controllo ottimale di una patologia così complessa.” Afferma Paolo Gionchetti, direttore della Ssd Malattie infiammatorie croniche intestinali, Irccs Aou di Bologna “I risultati degli studi clinici sono molto incoraggianti e, con questa approvazione, risankizumab si candida a diventare un’opzione terapeutica promettente per i pazienti adulti che, nonostante il trattamento con terapie convenzionali o biologiche, continuano ad avere una malattia in fase attiva”.

Gli studi a supporto dell’approvazione

L’approvazione europea nella malattia di Crohn è supportata dai risultati del programma globale di trial clinici di fase 3, che ha previsto tre studi: Advance, Motivare (studi di induzione) e Fortify (studio di mantenimento). I tre studi, multicentrici, randomizzati, in doppio cieco e controllati verso placebo, hanno valutato l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità del farmaco sviluppato da Abbvie.

Obiettivi a lungo termine

“Oltre alla gestione dei sintomi quotidiani, la remissione clinica, la guarigione della mucosa e la risposta endoscopica sono obiettivi terapeutici fondamentali nel lungo termine nella malattia di Crohn”, aggiunge Fernando Rizzello, professore associato in Medicina Interna –  Centro di riferimento per le Malattie Infiammatorie Intestinali Irccs S.Orsola di Bologna “I risultati del programma di studi clinici ci confermano che risankizumab, che è il primo inibitore dell’interleuchina-23 per la malattia di Crohn, è efficace e sicuro nel migliorare questi parametri cruciali della malattia. Ci auguriamo che questa nuova e promettente opzione terapeutica sia resa presto disponibile in tutta Italia.”

Altre approvazioni

Risankizumab è approvato in Europa anche per il trattamento degli adulti con psoriasi a placche da moderata a severa candidati a terapia sistemica e in monoterapia o in associazione al metotressato per il trattamento dell’artrite psoriasica attiva negli adulti che hanno manifestato una risposta inadeguata o un’intolleranza a uno o più farmaci antireumatici modificanti la malattia (Dmard).

Tag: abbvie / Commissione europea / malattia di Crohn /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE