Cnr e Regione Emilia-Romagna: al via un nuovo bando per gli “acceleratori d’innovazione”

Pubblicato il: 25 Marzo 2022|

Più sinergie tra ricerca e impresa. È uno degli obiettivi della collaborazione consolidata tra Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e Regione Emilia-Romagna, che si arricchisce ora di una nuova opportunità. È stata pubblicato, infatti, un bando per l’utilizzo delle strutture e dei servizi a disposizione dell’infrastruttura denominata “Acceleratori di Innovazione”, parte integrante del Tecnopolo Bologna Cnr.

I settori di interesse

L’iniziativa, spiega il Cnr in una nota, è rivolta ad aziende che intendono esplorare nuove opportunità di innovazione competitiva ed instaurare collaborazioni di ricerca e di sviluppo in sinergia con gli istituti del Cnr e delle realtà consortili presenti presso l’Area territoriale di ricerca del Cnr di via Gobetti a Bologna. I settori di interesse spaziano dal biomedicale all’agroalimentare, dalla meccanica all’Ict, dal patrimonio culturale a energia e materiali.

Potenziare ricerca industriale e trasferimento tecnologico

“Il Cnr e la Regione Emilia-Romagna – sottolinea la nota – hanno realizzato un luogo dove ricerca e imprese si incontrano e collaborano allo sviluppo di attività innovative, ad alto impatto tecnologico. Il progetto, nato nell’ambito del Programma regionale per la Ricerca industriale, l’innovazione e il trasferimento tecnologico, ha lo scopo di incrementare l’offerta di ricerca industriale e dare continuità alla Rete alta tecnologia dell’Emilia-Romagna”. La documentazione richiesta per la partecipazione, le descrizioni dell’infrastruttura, dei servizi e delle opportunità messe a disposizione sono consultabili online sul sito dell’Area territoriale di ricerca di Bologna.

Tag: biomedicale / Cnr / Emilia Romagna / innovazione /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE