Confindustria dispositivi medici: “Approvare presto Sunshine Act e semplificare Codice appalti”

Pubblicato il: 10 Maggio 2019|

Le imprese dei medical device auspicano una “rapida approvazione” del Sunshine Act, la proposta di legge per la trasparenza dei “trasferimenti di valore” in sanità già licenziata dalla Camera e ora all’esame del Senato. A dirlo, in una nota, è Massimiliano Boggetti, presidente di Confindustria dispositivi medici. Boggetti auspica anche uno “snellimento normativo del Codice degli appalti”, annunciando che presto al rappresentanza industriale formulerà dieci proposte in merito.

Sunshine Act

A proposito del Sunshine Act, Boggetti spiega: “Siamo convinti che la trasparenza sia la migliore garanzia di un corretto rapporto tra industria e operatori sanitari, senza il quale non può esserci innovazione tecnologica perché se dalla ricerca medico-scientifica si sviluppano nuove soluzioni terapeutiche, è poi l’industria che le produce, le perfeziona e le rende accessibili a tutti. Pertanto condanniamo tutte le forme di corruzione e di distorsione per poter lavorare in modo trasparente per lo sviluppo tecnologico in medicina nell’interesse del paziente”.

Regole più snelle

Per il presidente di Confindustria dispositivi medici il Sunshine Act è un importante passo verso la creazione di un ecosistema capace di attrarre imprese e innovazioni”. Ma non basta: “Siamo anche convinti – sottolinea Boggetti – che per raggiungere pienamente questo obiettivo siano necessari altri atti di semplificazione e trasparenza normativa”. A cominciare da “una riforma che renda la giustizia più veloce e certa” e da “uno snellimento normativo del Codice degli Appalti che consenta a tutti gli attori del sistema di agire in modo chiaro” grazie a regole semplici. “Non dimentichiamo che – conclude Boggetti – dove ci sono troppe norme si crea minore chiarezza ed è proprio qui che può annidarsi la corruzione”.

Tag: Confindustria dispositivi medici / corruzione / Sunshine Act /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE