Covid-19, l’Oms annuncia l’apertura di un hub per l’intelligence e il monitoraggio della pandemia

Pubblicato il: 5 Maggio 2021|

Un hub globale per l’intelligence pandemica ed epidemica, per la raccolta dati, il monitoraggio e innovazione analitica. Lo realizzerà l’Organizzazione mondiale della sanità insieme alla Repubblica federale di Germania e avrà sede a Berlino. L’annuncio dell’iniziativa è avvenuto nel corso di una conferenza stampa a cui ha partecipato anche Tedros Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms.

Come funzionerà l’hub

L’hub dell’Oms sarà una piattaforma globale che creerà un accesso condiviso e in rete a dati multisettoriali vitali, guidando innovazioni nell’analisi dei dati e costruendo le pratiche necessarie per prevedere, prevenire, rilevare, preparare e rispondere alle minacce sanitarie mondiali, sottolinea l’organizzazione. L’hub avvierà una nuova collaborazione globale tra Paesi e partner in tutto il mondo, promuovendo innovazioni volte ad aumentare la disponibilità e il collegamento di dati diversi, sviluppare strumenti e modelli predittivi per l’analisi dei rischi e monitorare le misure di controllo delle malattie.

L’importanza dei dati

“Una delle lezioni del Covid-19 è che il mondo ha bisogno di un significativo balzo in avanti nell’analisi dei dati per aiutare i leader a prendere decisioni informate sulla salute pubblica”, ha affermato Ghebreyesus. “Ciò richiede lo sfruttamento del potenziale di tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale, la combinazione di diverse fonti di dati e la collaborazione in più discipline. Dati migliori e analisi migliori porteranno a decisioni migliori”, ha proseguito il direttore generale dell’Oms.

Tag: big data / covid-19 / Germania / Oms /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE