Crisi energetica, le associazioni pharma: senza sostegno a rischio la salute dei cittadini

Pubblicato il: 8 Settembre 2022|

I costi dell’energia lievitati del 600% rispetto a un anno fa stanno mettendo in ginocchio interi settori economici rendendo difficile la sopravvivenza delle aziende. L’allarme questa volta arriva dalle associazioni che rappresentano il settore pharma (Farmindustria, Egualia, Assoram, Associazione distributori farmaceutici–Adf, Federfarma Servizi, Federfarma, Assofarm) che chiedono alle istituzioni interventi concreti e immediati per evitare il rischio di carenze di farmaci e dispositivi medici legato all’insostenibilità dell’aumento dei costi di produzione. Insieme hanno lanciato un appello alla politica e al futuro Governo affinché la filiera del pharma venga considerata essenziale, come già avvenuto durante la pandemia, e abbia maggiori tutele per assicurare continuità e sostenibilità della fornitura di gas, energia elettrica e carburanti per il trasporto. Inserire nell’agenda politica misure ad hoc significa continuare ad assicurare ai cittadini le cure necessarie, evitando rischi di carenza di terapie in Italia e all’estero.

Aumenti del 35-40%

Gli aumenti dei costi dell’energia stanno impattando su tutti gli operatori della filiera e le aziende farmaceutiche hanno visto aumentare i prezzi di materie prime e dei prodotti essenziali nella fase di produzione e distribuzione (materiali, imballaggi, manutenzioni, fiale, packaging, etc.), in media del 35-40% rispetto allo scorso anno. A peggiorare la situazione c’è anche la recente svalutazione dell’euro rispetto al dollaro, valuta con la quale si pagano i principi attivi che provengono per l’80% da Cina e India, e i persistenti problemi di approvvigionamento delle materie prime. L’ascesa dei costi si è abbattuta anche sugli operatori della distribuzione primaria, intermedia e finale del farmaco, rendendo i costi insostenibili, in particolare per la cold chain che adotta sistemi di refrigerazione a ciclo continuo.

L’intervento delle istituzioni

L’assenza di concrete misure di contrasto e sostegno al settore, sottolineano le associazioni, mette seriamente a rischio già dalle prossime settimane il servizio pubblico essenziale della distribuzione di medicinali e prodotti per la salute in quanto le aziende hanno maggiori costi ma non possono trasferire all’utente finale i prezzi di produzione lievitati. Anzi, l’Istat ha rilevato una riduzione dell’1% dei prezzi al consumo rispetto al 2021, a fronte di un’inflazione dell’8,4%. Si rischia, dunque, di incorrere in fenomeni di indisponibilità e carenze di farmaci legati all’insostenibilità economica della produzione e distribuzione e ad eventuali provvedimenti di riduzione della spesa. Una situazione che risulta più grave per le farmacie rurali che costituiscono spesso il principale presidio sanitario dei piccoli centri.

Supporto al settore pharma

In vista dell’autunno, con la necessità di garantire le nuove campagne per i vaccini anti-Covid e con la stagione influenzale alle porte, è indispensabile intervenire per garantire ai cittadini la disponibilità in farmacia di medicinali, vaccini, dispositivi medici e prodotti sanitari. Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma, Assofarm, anche alla luce della proposta politica di una tassa sugli extraprofitti, chiedono alle istituzioni misure urgenti a sostegno della produzione e distribuzione dei farmaci, oltre a politiche di attrattività per garantire e far crescere gli investimenti.

Quale futuro per le aziende pharma

Dell’aumento dei costi energetici, della crisi dei microchip e delle soluzioni messe in campo dalle aziende farmaceutiche se ne parlerà anche durante la prossima edizione degli AboutFuture leaders’ talk (che si svolgerà in presenza a Milano il 15 settembre alle ore 16 presso il centro congressi Stelline), l’appuntamento annuale che riunisce i top manager delle imprese life science in un momento di confronto e dibattito sui temi di attualità.

Tag: Adf / Assofarm / Assoram / crisi energetica / egualia / farmindustria / Federfarma / Federfarma Servizi /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE