Ema, Marilena Vrana e Rosa Giuliani sono le nuove co–presidenti nei gruppi Pcwp e Hcpwp

Ema
Pubblicato il: 27 Settembre 2022|

Due nuove nomine nei gruppi di lavoro dell’Agenzia europea del farmaco. Marilena Vrana della European Heart Network (Ehn) è il nuovo co–presidente del Gruppo di lavoro dei pazienti e dei consumatori dell’Ema (Pcwp), mentre Rosa Giuliani della Società europea di oncologia medica (Esmo) è il neo co–presidente del Gruppo di lavoro dei professionisti della salute (Healthcare Professionals’ Working Party, Hcpwp). Insieme con Juan Garcia Burgos, Head of Public Engagement presso Ema, co-presiederanno le riunioni dei rispettivi organi per i prossimi tre anni. Il Pcwp e l’Hcpwp sono gruppi di lavoro formali dell’Ema, composti da organizzazioni rappresentative di pazienti, consumatori e operatori sanitari, nonché rappresentanti dei comitati scientifici umani dell’Ema e svolgono funzioni di supporto e monitoraggio dei pazienti, consumatori, operatori sanitari e delle loro organizzazioni nelle attività dell’agenzia.

La carriera di Marilena Vrana

Marilena Vrana ha una vasta esperienza nelle associazioni e attualmente ricopre il ruolo di manager dei Pazienti e della ricerca presso il Network europeo sul cuore (Ehn). È anche membro del gruppo dei responsabili delle agenzie del farmaco (Hma) e del Big data steering group dell’Ema. Segue Kaisa Immonen nel ruolo di co-presidente del Pcwp. “Il coinvolgimento significativo di pazienti e consumatori nel processo di regolamentazione dei nuovi prodotti – ha detto la Vrana – siano essi medicinali, dispositivi medici o tecnologie, e durante tutto il ciclo di vita dei medicinali, è un fattore chiave per la fiducia del pubblico. È importante tenere conto dei bisogni e delle aspettative delle persone fin dall’inizio per garantire rilevanza, valore, efficacia e aderenza alle innovazioni future. Sono grato per la fiducia dei membri del Pcwp di agire come loro co-presidente e perseguire insieme il nostro obiettivo comune”.

La carriera di Rosa Giuliani

Rosa Giuliani è un medico oncologo. Attualmente è membro del consiglio di Esmo. Dal 2020 è direttore delle Politiche pubbliche e presidente dell’Esmo Global policy committee. È stata membro principale dello Scientific advisory group in Oncology (Sag-O) dell’Ema, da aprile 2012 a giugno 2021. Segue Ulrich Jäger nel ruolo di co-presidente dell’Hcpwp. “La parità di accesso a cure ottimali, comprese l’innovazione e la ricerca, è un diritto fondamentale di ogni cittadino dell’Ue. In quanto operatori sanitari – ha detto la Giuliano – il nostro dovere è garantire l’applicazione di questo principio. Il dialogo e la collaborazione con le autorità di regolamentazione attraverso l’Hcpwp, rappresentano un’occasione imperdibile per affrontare i temi critici dell’assistenza sanitaria e le loro soluzioni in modo pragmatico e inclusivo. È un onore per me co-presiedere questo gruppo di organizzazioni. I miei più sentiti ringraziamenti a tutti per la fiducia dimostratami. Questo è un momento fantastico per unire i nostri sforzi, insieme possiamo davvero lottare per una salute pubblica moderna ed efficiente”.

Piano di lavoro 2022-2025

Il piano di lavoro congiunto 2022–2025 per il gruppo di lavoro dei pazienti e dei consumatori (Pcwp) e il gruppo di lavoro degli operatori sanitari (Hcpwp) è stato approvato dai comitati scientifici dell’Ema durante la riunione di settembre 2022 e definisce le aree di lavoro comuni a entrambi ed è soggetto a revisioni annuali per consentire il perfezionamento delle azioni proposte.

Da sinistra nella foto Rosa Giuliani e Marilena Vrana

Tag: ehn / Ema / Esmo / hcpwp / marilena crana / pcwp / persone / rosa giuliani /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE