Farmaci orfani: dall’Osservatorio Crea-Omar una guida per orientarsi

malattie rare
Pubblicato il: 1 Agosto 2017|

Perché i farmaci orfani sono regolati da una normativa specifica? Come vengono autorizzati? E quali fattori determinano il prezzo? Risponde a questi e altri interrogativi il primo “Quaderno” dell’Osservatorio farmaci orfani (Ossfor), frutto della collaborazione tra il Crea Sanità dell’Università di Tor Vergata e l’Osservatorio malattie rare (Omar). Il quaderno s’intitola “La regolamentazione delle malattie rare e dei farmaci orfani” ed è disponibile gratuitamente online.

L’obiettivo – spiega una nota dell’Osservatorio – è racchiudere in un unico documento di facile lettura le informazioni essenziali riguardanti il settore, accompagnate dai riferimenti normativi. A breve sarà disponibile anche una versione più sintetica, un “vademecum” per una consultazione ancora più rapida.

Per il futuro, Ossfor prevede altre pubblicazioni, con l’obiettivo di “sistematizzare le informazioni esistenti e colmare le lacune informative su malattie rare e farmaci orfani”. I contenuti possono essere utilizzati, previa autorizzazione, da tutti coloro che svolgono le proprie attività nell’ambito delle malattie rare e dei farmaci orfani e diffusi in occasione di qualsiasi incontro pubblico o privato. Nella convinzione che “una grande disponibilità di informazioni, organizzata secondo un modello condiviso” possa favorire un “dialogo inter-istituzionale finalizzato alla definizione di policy utili ad una governance efficace del settore”.

Tag:

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE