Farmacovigilanza sui vaccini anti-Covid: 128 segnalazioni ogni 100mila dosi

Pubblicato il: 4 Agosto 2021|

Sono 128 ogni 100mila dosi le segnalazioni di farmacovigilanza sui vaccini anti-Covid registrate fino al 26 luglio. Nell’87,1% si tratta di eventi non gravi come dolore in sede di iniezione, febbre, astenia/stanchezza, dolori muscolari. È quanto emerge dal settimo rapporto dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), che analizza i dati (a partire dal 27 dicembre 2020) della Rete nazionale di farmacovigilanza per i quattro vaccini in uso.
“Nel periodo considerato – spiega Aifa – sono pervenute 84.322 segnalazioni su un totale di 65.926.591 dosi somministrate. Le segnalazioni gravi corrispondono al 12,8% del totale, con un tasso di 16 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate. Come riportato nei precedenti Rapporti, indipendentemente dal vaccino, dalla dose e dalla tipologia di evento, la reazione si è verificata nella maggior parte dei casi (80% circa) nella stessa giornata della vaccinazione o il giorno successivo e solo più raramente oltre le 48 ore successive”.

I diversi vaccini

La maggior parte delle segnalazioni sono relative al vaccino Comirnaty (68%), finora il più utilizzato nella campagna vaccinale (71% delle dosi somministrate) e solo in minor misura al vaccino Vaxzevria (25% delle segnalazioni e 17% delle dosi somministrate), al vaccino Spikevax (6% delle segnalazioni e 10% delle dosi somministrare) e al vaccino Covid-19 Janssen (1% delle segnalazioni e 2% delle dosi somministrate).

Gli eventi avversi più comuni

Per tutti i vaccini, gli eventi avversi più segnalati sono febbre, stanchezza, cefalea, dolori muscolari/articolari, dolore in sede di iniezione, brividi e nausea. Gli eventi avversi gravi correlabili alla vaccinazione più spesso segnalati configurano un quadro di sindrome simil-influenzale con sintomatologia intensa, più frequente dopo la seconda dose dei vaccini a mRNA e dopo la prima dose di Vaxzevria.

Vaccinazioni eterologhe

In relazione alle vaccinazioni cosiddette eterologhe a persone al di sotto di 60 anni che avevano ricevuto Vaxzevria come prima dose sono pervenute 114 segnalazioni, su un totale di 396.952 somministrazioni (la seconda dose ha riguardato nell’82,6% dei casi Comirnaty e nel 17,4% Spikevax), con un tasso di segnalazione di 29 ogni 100.000 dosi somministrate.

I più giovani

Nella fascia di età compresa fra 12 e 19 anni, alla data del 26 luglio sono pervenute 530 segnalazioni di sospetto evento avverso su un totale di 1.986.221 dosi somministrate, con un tasso di segnalazione di 27 eventi avversi ogni 100.000 dosi somministrate. La distribuzione per tipologia degli eventi avversi non è sostanzialmente diversa da quella osservata per tutte le altre classi di età.

Tag: Aifa / covid / Farmacovigilanza /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE